TuttoTrading.it

12/10/2007 Non solo le pensioni dividono le generazioni (Marco Albertini, http://www.lavoce.info)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Negli ultimi trent'anni una situazione socio-economica molto favorevole e i particolari assetti del welfare italiano hanno contribuito a migliorare notevolmente la posizione economica relativa della parte più anziana della popolazione. Nel frattempo i destini economici delle famiglie più giovani sono andati sempre più deteriorandosi. Senz'altro è il risultato di una condizione del mercato del lavoro oggi radicalmente diversa rispetto alla fine degli anni Settanta. Ma il sistema dovrebbe tenere conto anche delle alterne fortune delle generazioni.

Uno dei "filoni" della recente accesa discussione sul famigerato "scalone" ha riguardato l’esistenza o meno di un conflitto tra gli interessi delle diverse generazioni rispetto agli assetti pensionistici in Italia. Se da un lato, vi era chi sottolineava l’assenza di rappresentanza e di tutela degli interessi dei pensionati del futuro, oggi giovani lavoratori o studenti, a favore della tutela dei genitori prossimi alla pensione, dall’altro, c’era chi negava l’esistenza di interessi divergenti e di una questione di generational fairness. Schematicamente, nel primo gruppo si annoverano alcuni politici e molti accademici (soprattutto economisti), nel secondo molti sindacalisti.

La crescente disparità tra generazioni

È sicuramente vero, come sostenuto da molti, che il gioco redistribuivo tra generazioni non è a somma zero, tuttavia è anche vero che le casse dello Stato e degli enti previdenziali non assomigliano nemmeno lontanamente alla borsa di Mary Poppins. In altre parole, le risorse da investire e redistribuire sono pur sempre limitate e gli investimenti alternativi non sono certo neutrali rispetto all’equità redistribuiva tra generazioni. Negli articoli pubblicati su lavoce.info è stato ampiamente mostrato che il contratto pensionistico alla base del welfare italiano è fortemente squilibrato a sfavore delle generazioni più giovani. Tuttavia, è importante sottolineare che purtroppo lo squilibrio della parte pubblica del contratto generazionale non si limita solo alle recenti modifiche delle regole che stabiliscono l’accesso e l’ammontare della pensione di anzianità, ma emerge fortemente anche da un’analisi della allocazione del budget del welfare italiano e, soprattutto, dai suoi risultati in termini di posizioni reddituali relative.

Gli squilibri del contratto generazionale pubblico

Il primo indicatore dello squilibrio del welfare italiano è costituito dal valore del rapporto tra spesa "dedicata" alla parte anziana della popolazione rispetto a quella dedicata alla parte più giovane. Esping-Andersen e Sarasa, esaminando i dati sulla allocazione della spesa sociale nei diversi sistemi di welfare, esclusa la spesa sanitaria, stimano che il valore del rapporto tra spesa per le generazioni anziane e spesa per le generazioni giovani è pari a 3,5 in Italia, contro una media di 1,7 nei paesi dell’Europa continentale, di 1,2 nei paesi anglo-sassoni e di 0,8 in quelli scandinavi.
Forse già questo basterebbe a chiarire che, almeno in potenza, esiste in Italia un conflitto redistribuivo tra generazioni. Volendo approfondire, tuttavia, si può andare a vedere come è cambiata nel tempo la posizione economica relativa delle famiglie italiane secondo l’età di riferimento. L’andamento della posizione economica delle diverse generazioni, infatti, è un buon indicatore sia della loro "fortuna" in termini di destini familiari e di condizioni del mercato del lavoro durante la loro età lavorativa, sia di ciò che il sistema di welfare ha fatto per "compensare" le diverse "fortune" delle famiglie e degli individui.Consideriamo innanzitutto il livello del rischio di "basso reddito" che colpisce gli individui a seconda dell’età di riferimento della famiglia in cui vivono, ovvero la loro probabilità di essere collocati nel quintile più basso della distribuzione dei redditi disponibili equivalenti. Se tutti fossero equamente "colpiti" da tale rischio, il 20 per cento di ciascun gruppo d’età dovrebbe trovarsi nel primo quintile. Ma, come si può vedere in figura 1, il rischio non è mai stato distribuito equamente. Nel 1977 le persone che vivevano in famiglie di ultra sessantacinquenni correvano un elevatissimo rischio di basso reddito: circa il 38 per cento era collocato nel primo quintile della distribuzione. Quasi trenta anni dopo, però, lo scenario è drammaticamente diverso: sono le famiglie con una età di riferimento sotto i 40 anni le uniche a essere sovra rappresentate nella parte bassa della distribuzione. All’opposto, la piena implementazione del sistema pensionistico e anche la combinazione di una serie di fattori socio economici favorevoli (1), ha fatto in modo che solamente il 18 per cento degli ultra sessantacinquenni del 2004 siano situati nella parte bassa della distribuzione dei redditi.

Figura 1: Proporzione di individui nel primo quintile di redditi, secondo l’età di riferimento della famiglia



Risultati analoghi si ottengono analizzando l’andamento dei redditi medi relativi dei vari gruppi d’età. Dalla fine dei Settanta a oggi si assiste: (i) all’aumento del reddito relativo di un gruppo della popolazione già benestante, ovvero quello delle famiglie con età di riferimento tra i 51 e i 65 anni; (ii) al forte miglioramento delle condizioni degli ultra sessantacinquenni, un gruppo prima assai svantaggiato; (iii) un forte peggioramento della posizione delle famiglie sotto i 30 anni (figura 2).
Se poi consideriamo il livello delle differenze di reddito intragruppo, va notato che si è avuta una decisa riduzione nella diversità dei redditi dei gruppi di età più anziani, e una tendenza opposta per le famiglie con meno di 40 anni.

Figura 2: Reddito medio relativo per gruppo di età



Si aggiunga, inoltre, che le vecchie generazioni lasciano alle nuove una eredità negativa piuttosto pesante: un debito pubblico tra i più elevati in Europa.

Il ruolo del welfare

Negli ultimi trent’anni la combinazione di una situazione socio-economica molto favorevole e dei particolari assetti del welfare italiano ha di fatto contribuito a migliorare notevolmente la posizione economica relativa della parte più anziana della popolazione. Guardando ai dati della Banca d’Italia possiamo senz’altro dire che alcune coorti di nascita sono state indubbiamente fortunate: i trentenni della fine dei Settanta non se la cavavano poi male e oggi, nei loro 60 anni, si trovano in uno dei gruppi di popolazione più benestanti. Nel frattempo, i destini economici delle famiglie più giovani sono andati sempre più deteriorandosi, e con loro, chiaramente, anche quelli dei figli.
Non c’è dubbio che in larga parte questo quadro sia il risultato di una situazione del mercato del lavoro che è oggi radicalmente diversa rispetto a quella della fine degli anni Settanta. Ma non dovrebbe forse il sistema di welfare tenere conto anche di queste alterne fortune delle generazioni? Non è forse un sistema compensativo dei rischi e destini che dipendono solo marginalmente dalle abilità individuali? E tali rischi non sono forse inegualmente distribuiti non solo rispetto alle classi sociali, ma anche rispetto alle generazioni? È, credo, nella sordità rispetto a tali quesiti che nascono nel nostro paese le potenzialità per un conflitto forte tra generazioni circa la redistribuzione dei costi e benefici del sistema di welfare. 

(1) Negli anni della loro maturità queste coorti hanno sperimentato condizioni assai favorevoli quali: bassa instabilità familiare, forte crescita economica e un mercato del lavoro fluido, con uno "scivolamento" verso la parte alta della struttura occupazionale.

http://www.lavoce.info

  • Archivio Pensioni
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO