TuttoTrading.it

11/07/2007 PREVIDENZA. Aumenti medi di 33 euro al mese per le pensioni basse (VC, www.helpconsumatori.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Accordo raggiunto tra Governo e sindacati sugli aumenti delle pensioni basse.Gli aumenti saranno differenziati: 33 euro al mese (420 euro l'anno) per tredici mensilità in favore dei pensionati da lavoro dipendente che possono vantare tra i 16 e i 25 anni di contributi; 39 euro (505 euro l'anno) per chi ha più di 26 anni di contribuzione; 28 euro (333 euro all'anno) per chi ha meno di 15 anni di contributi. Ritocchi meno marcati per le pensioni sociali legate a invalidità (attorno ai 12 euro al mese).
A beneficiarne saranno 3.100.000 pensionati sopra i 64 anni di età con assegni attualmente inferiori ai 654 euro, pari a 8.504,73 euro l'anno. Incrementi anche per 300mila pensionati sociali (invalidi civili, ciechi, sordomuti): gli assegni saliranno a 580 euro. Per l'erogazione degli aumenti è stata ipotizzata non una cadenza mensile ma un sistema annuale in due tranche. Inoltre, sono state confermate la data di decollo degli aumenti (1gennaio 2008) e l'una tantum da 324 euro da erogare a ottobre 2007.

In tutto sono 3.400.000 i trattamenti interessati dall'intesa, giunta a tarda notte dopo che, a un passo dall'ok sull'ultima proposta presentata dal ministro Cesare Damiano, la trattativa aveva subito un rallentamento sull'individuazione della soglia anagrafica sopra la quale far scattare i ritocchi. Con il Governo che spingeva per garantire solo agli "over 65" (allineando di fatto uomini e donne) e Cgil, Cisl, Uil e Ugl che chiedevano di tenere conto dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia: 65 anni per gli uomini e 60 per le donne. Il compromesso si è materializzato sotto forma di "soglia 64 anni" per tutti.

È un'intesa che «apre la strada verso un accordo complessivo », sottolinea Damiano. Soddisfazione per questa «tappa significativa » viene espressa anche da Morena Piccinini (Cgil), Pierpaolo Baretta (Cisl), Domenico Proietti (Uil) e Renata Polverini (Ugl). In attesa che Romano Prodi formalizzi la sua proposta, che potrebbe anche slittare alla prossima settimana, si continua a lavorare a una mediazione (mix di incentivi, scalini e "quote").

  • Archivio Pensioni
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO