TuttoTrading.it

14/09/2006 Che sia davvero l' Ultima Riforma  (Tito Boeri, Agar Brugiavini, www.lavoce.info)

  • Pagina Pensioni
  • Pubblicità o Inganno
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Truffe
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    Ci sono due equivoci ricorrenti nell’ennesimo confronto sulla riforma delle pensioni. Si sostiene che:

    i) la riforma delle pensioni serve a ripianare l’attuale deficit di bilancio;

    ii) sia meglio apportare comunque qualche ritocco piuttosto che lasciare tutto com’è.

    In verità la riforma delle pensioni serve soprattutto a ridurre il precariato: è un problema gravissimo per i giovani, molto meno importante per le casse dello Stato nel 2006-7. E l’esperienza della riforma Maroni-Tremonti ci indica che un nuovo intervento approssimativo sarebbe esiziale. Se non si ha la forza politica di completare il passaggio al metodo contributivo, meglio piuttosto lasciare tutto com’è. Perché i ritocchi costano più dello status quo.

    I conti del Civ

    In questi giorni, a leggere i giornali e le dichiarazioni di molti leader politici sembrerebbe che la riforma delle pensioni serva solo per ripianare l’attuale deficit dell’Inps e migliorare il bilancio dello Stato quest’anno o il prossimo.

    Chi si oppone alla riforma chiama in causa i buoni dati sul gettito fiscale nel 2006 e tenta ogni artificio contabile per mascherare il deficit dell’Inps. Ad esempio, il Civ, Comitato di indirizzo e di vigilanza dell’Istituto, in un suo recente comunicato celebra "lo stato di salute più che soddisfacente dell’Inps", sostenendo che "i dati parlano chiaro: nei primi quattro mesi dell’anno, l’avanzo complessivo è cresciuto di 287 milioni di euro". Qualche riga più sotto, lo stesso comunicato, ammette che i trasferimenti dello Stato (di cui solo il 7 per cento copre pensioni erogate dall’Istituto per conto dello Stato) sono nel frattempo aumentati di 2.244 milioni. Come dire, che senza il contributo statale, il disavanzo sarebbe cresciuto di quasi due miliardi, raggiungendo la cifra record di 75 miliardi di euro. Il comunicato evita altresì di menzionare le previsioni dell’Inps per fine anno che parlano di un aumento della spesa di quasi 4 miliardi a seguito dell’incremento delle liquidazioni delle pensioni di anzianità dei lavoratori dipendenti. Come può un organismo di vigilanza celebrare il fatto di aver raggiunto un deficit pari al 5,5 per cento del Pil? Ci auguriamo che il Civ rientri a pieno titolo nell’elenco degli enti inutili da abolire che il Governo si è impegnato a stilare.

    Le pensioni e il precariato

    Ma anche chi sostiene la causa delle riforme si richiama spesso alla necessità di rispettare i patti sottoscritti con Bruxelles per il bilancio 2007. In realtà, la riforma serve soprattutto a impedire che un giovane che oggi entra nel mercato del lavoro finisca, dopo 45 anni di lavoro (otto anni in più in media di chi va in pensione ora), per ricevere una pensione inferiore al minimo sociale.

    È una questione di equità intergenerazionale e sostenibilità allo stesso tempo. L’aliquota di equilibrio (il contributo che dovrebbe essere pagato per azzerare il deficit dell’Inps) è oggi vicina al 45 per cento. Come si può a chiedere a qualcuno di trasferire quasi il 50 per cento del proprio salario a chi va in pensione a 57 anni, dopo 35 anni di lavoro, sapendo che lui stesso percepirà una pensione, in rapporto all’ultimo salario, del 20-30 per cento inferiore a quella del beneficiario del suo trasferimento?

    Il costo dei ritocchi

    Le pensioni sono in questi anni diventate una palestra per molti ministri. Le riforme si fanno per esibire qualche muscolo. Ma si tratta di una materia delicata. O si fanno le cose bene, o si rischia solo di procurare guai peggiori.

    Pensiamo alla riforma Tremonti-Maroni. All’epoca, questo sito aveva sottolineato il rischio di fughe verso le pensioni di anzianità. I ministri coinvolti avevano reagito con toni sprezzanti, sostenendo che ciò non sarebbe avvenuto perché avevano inserito nella loro riforma una "certificazione dei diritti acquisiti". In verità, questo mostro giuridico (nessun governo potrà mai impedire a un Parlamento sovrano di legiferare) è riuscito solo a incoraggiare fughe in massa verso le anzianità. Nel 2006 si sono avute sin qui 203.357 richieste, 70mila in più dell’anno scorso, e si è stabilito un nuovo record: più del 70 per cento degli aventi diritto ha fatto domanda, mentre in genere non si va oltre il 50-60 per cento. Questo comporta, nell’immediato, un costo aggiuntivo di circa 1 miliardo all’anno per le casse dello Stato e, nell’arco di vita futura di questi "giovani pensionati", un costo attualizzato di circa 23 miliardi per le casse dell’Inps.

    Ogni riforma mal congegnata, ne allontana altre. Una riforma graduale delle prestazioni, come quella che avevamo simulato su questo sito, avrebbe portato in questi due anni a risparmi di circa lo 0,15 per cento del Pil (circa 2 miliardi sui tre anni 2004-2006), e, in valore attuale, un risparmio di circa 40 miliardi.

    Si dirà che la riforma Maroni-Tremonti doveva portare risparmi soprattutto dal 2008 in poi. Ma un intervento che in una notte aumenta di tre anni i requisiti per andare in pensione non è politicamente fattibile e, non a caso, lo "scalone" è stato derubricato dall’agenda politica. Il governo attuale sembra intenzionato a introdurre, al suo posto, disincentivi per chi va in pensione prima dei 60 anni e incentivi dopo. Questo porterebbe a risparmi minimi perché da un lato si riducono (ben poco) le pensioni dei cinquantanovenni e, dall’altro, si aumenta la spesa per i pensionati tra i 60 e i 65 anni. Inoltre, anche questo confronto accentua il rischio di nuove fughe, cui contribuiscono gli incitamenti dell’ex-ministro dell’Economia a lasciare subito il lavoro prima di "finire nel tritacarne".

    Si sente anche parlare di un trasferimento del Tfr all’Inps. È un’idea vecchia, quanto perniciosa. Come già discusso su questo sito priverebbe i giovani dell’opportunità di diversificare i rischi e di costruirsi una previdenza integrativa con cui compensare la minore generosità del pilastro pubblico e porterebbe a vantaggi solo nell’immediato per le casse dello Stato.

    Abbiamo già chiarito quali sarebbero secondo noi i correttivi da apportare individuando dieci interventi di immediata applicazione. Tra questi riteniamo prioritari: l’aggiornamento dei coefficienti di trasformazione per tenere conto della accresciuta longevità, l’introduzione di riduzioni attuariali per chi va in pensione prima del raggiungimento dei 65 anni di età (sulla parte retributiva della prestazione), accompagnata da una accelerazione del sistema contributivo, lo smobilizzo immediato del Tfr nelle piccole imprese.

    Ovviamente, un governo può avere idee diverse dalle nostre in merito e proposte migliori. Ma la cosa importante è che non faccia una riforma tanto per mostrare di saper (ri)toccare le pensioni. Qui gladio ferit gladio perit.



    Allegati

    Comunicato Inps


  • Pagina Pensioni
  • Pubblicità o Inganno
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Truffe
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO