TuttoTrading.it

23/11/2005 Usa, la Lobby delle Armi Protetta per Legge La Camera Approva il Testo che impedirà i Processi per i Risarcimenti alle Vittime (www.unita.it)

  • Pagina Guerra
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Dopo l' 11 Settembre
  • Pagina Multinazionali
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    UN GIUBBOTTO antiproiettile per i fabbricanti e i rivenditori di armi da fuoco. Per proteggerli dalla responsabilità che deriva dall'uso improprio di queste armi; anche quando sono state acquistate illegalmente. Lo ha cucito su misura il Congresso sotto pressione della National Rifle Association, l'onnipotente associazione degli armaioli, senza i cui contributi si perdono le elezioni. Con la schiacciante maggioranza di 283 voti a favore e 144 contrari, la Camera ha confermato il testo già approvato al Senato a luglio. Il presidente George W. Bush aspetta con la penna in mano per firmare. «Una vittoria storica per la Nra», spara il sito internet dell'organizzazione.
    Un bel colpo davvero se si considera che i tribunali americani prendono molto sul serio la responsabilità civile delle imprese. McDonalds ha pagato un indennizzo milionario alla signora che s'era ustionata col caffè; e ora sui bicchieroni scrive bene in grande: «Attenzione è bollente». L'industria del tabacco è stata rivoltata come un calzino per pagare i danni ai fumatori e ai loro familiari per aver cercato di nascondere i danni provocati dal fumo ai consumatori. Le multinazionali farmaceutiche rischiano di essere fatte a pezzi dalle cause collettive di risarcimento per aver commercializzato la più moderna classe di antidolorifici per l'artrosi, nonostante si registrasse un impressionante aumento della percentuale di infarti fra i pazienti.

    Gli armaioli invece sono riusciti a strappare un salvacondotto; con tanto di valore retroattivo. Gli esperti di diritto calcolano che in tutti gli Stati Uniti una dozzina di processi intentati contro i fabbricanti d'armi e i loro rivenditori saranno automaticamente invalidati con l'entrata in vigore della nuova legge. Come quello per la strage del 1999 nel Centro di cultura ebraica di San Fernando Valley in California. Nel caso dei cecchini di Washington, viene annullato l'unico procedimento in cui si chieda conto del fatto che un reduce di guerra e un ragazzino - entrambi visibilmente disadattati e con problemi psichiatrici - sono potuti entrare in un negozio di armi grande come un supermarket e uscire con un fucile senza nemmeno passare dalla cassa. E solo per Washington si risparmiano 2,5 milioni di dollari di indennizzi proposti in sede di accordo extragiudiziale. «Come abbiamo potuto permettere che l'industria delle armi diventi l'industria più protetta d'America», ha dichiarato uscendo dall'aula Chris Van Hollen, deputato democratico del Maryland. Il Congresso aveva già lasciato scadere il bando varato dall'amministrazione Clinton per la vendita al pubblico di armi semi automatiche come i fucili mitragliatori. Una decisione contro cui avevano fatto appello persino sindacati e rappresentanze dei vertici di polizia in tutto il Paese. Negli Stati Uniti un Mini-Uzi di fabbricazione israeliana si compra su gunbroker.com per 2.195 dollari. «Sono riusciti a strappare alle vittime anche il diritto a un risarcimento», ha commentato la deputata democratica di New York Carolyn McCarthy, che nel 1993 ha perso il marito e avuto un figlio gravemente ferito in una sparatoria ingaggiata da un folle sul treno per Long Island.

    «Questa legge vergognosa non resterà in vigore», avverte Dennis Henigan, avvocato e responsabile del Brady Center to Prevent Violence, un centro che si occupa di prevenire la violenza perpetrata con le armi da fuoco. Non è chiaro quali saranno le prossime mosse degli avvocati delle vittime. Una strada è quella di un ricorso costituzionale, con tutte le incertezze che derivano dai personaggi che Bush ha designato alla Corte suprema. L'altra è quella di dimostrare un dolo specifico da parte dei produttori e dei commercianti: una correlazione diretta tra la mancanza di controlli anti taccheggio e il fatto che un ragazzino psicopatico finisca a sparare a casaccio nei parcheggi alla periferia della capitale.


    Roberto Rezzo
    Fonte:www.unita.it
    22.10.05
    Visto su: http://www.onemoreblog.org/archives/008200.html


  • Pagina Guerra
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Dopo l' 11 Settembre
  • Pagina Multinazionali
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO