TuttoTrading.it

27/11/2009 Adoc: Natale di recessione, una famiglia su tre rinuncia al cenone (BS, http://www.helpconsumatori.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attivitą creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Sarą un Natale all'insegna della recessione, "magro e low cost". La spesa alimentare aumenterą dell'1,6% con particolari rialzi per i prodotti tipici come panettone (pił 5%) e torrone (pił 5%). E una famiglia su tre rinuncerą al cenone per accontentarsi di un menł pił ridotto ma all'insegna della qualitą. Sono le stime dell'Adoc: per l'associazione, le feste di Natale saranno pił costose rispetto al 2008 su spesa alimentare e cenoni.

"Prevediamo un incremento complessivo della spesa dell'1,6% per i prodotti alimentari - commenta Carlo Pileri, presidente dell'Adoc - per un totale di 158 euro a famiglia per un singolo cenone. E' il Natale della recessione, registriamo un vistoso crollo dei consumi, il calo degli acquisti in questo settore lo stimiamo pari al 3%. I prezzi elevati costringeranno una famiglia su tre a rinunciare al cenone. Tra i prodotti che hanno subito gli aumenti pił eclatanti troviamo i classici panettone (+5,4%), torrone (+5%) e pandoro (+4,3%), i datteri meno 4,3%. Per sostenere tutte le spese, in alcuni casi, non basterą neanche l'apporto della tredicesima, che per l'85% sarą dedicata a coprire le spese ordinarie. E sulle tavole si vedranno sempre meno i prodotti di lusso come caviale e champagne. Natale non č pił tempo di spese folli e grandi libagioni. Sarą magro, freddo e lowcost." In calo del 20%, secondo l'associazione, la presenza nei ristoranti, che farebbero spendere cifre al di lą delle possibilitą economiche di molte famiglie.

E dove si acquisterą? "Il 32% dei consumatori sceglierą il centro commerciale per fare acquisti - conclude Pileri - ma il 22% sceglierą il discount, unico a dare la possibilitą alle famiglie di soddisfare le proprie esigenze alimentari senza rimetterci lo stipendio. Per chi volesse invece acquistare prodotti tipici, come i cestini, direttamente online (4%) consigliamo di appurare che il sito sia verificato e di preferire l'acquisto delle marche pił note".

http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Moneta e Inflazione
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Societą Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO