TuttoTrading.it

28/01/2008 PREZZI. Indagine Coldiretti: Italiani preoccupati per i costi di cibo e benzina (SB, http://www.helpconsumatori.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

In circa due casi su tre sono i costi dell'alimentazione (33 per cento) e della benzina (30 per cento) a spaventare di più le famiglie. In occasione del rapporto della Banca d'Italia sui redditi degli italiani, Col diretti ha condotto un'indagine on line che individua proprio nel cibo e nei carburanti l'incubo di gran parte dei cittadini i cui redditi sono già stressati da mutui (17 per cento), bollette (13 per cento), affitti (3 per cento) e altre voci del bilancio familiare (4 per cento).

Il peso economico dei costi dell'alimentazione ha portato le famiglie a cambiare il loro menù. Secondo "Indagine 2007 COLDIRETTI-SWG "Le opinioni di italiani e europei sull'alimentazione", tre italiani su quattro hanno cambiato le abitudini alimentari principalmente variando il menù della spesa, aumentando l' attenzione riposta nella lettura dell'etichetta e prestando più attenzione alla provenienza dei cibi a favore di quelli locali.

Gli italiani - sottolinea la Coldiretti - si sono rifugiati negli alimenti prodotti nella zona in cui vivono con il 97 per cento che ha consumato prodotti locali e 2 italiani su 3 che lo hanno fatto con regolarità anche perché si tratta di alimenti il cui costo non è stato influenzato dal caro petrolio che ha fatto aumentare il costo di benzina e gasolio necessario per i trasporti. Ma, se complessivamente la spesa alimentare è rimasta invariata (+ 0,1 per cento) le quantità portate a casa dalle famiglie per effetto dell'aumento dei prezzi si sono ridotte dell'1,3 per cento con piu' pollo, frittata e acqua mentre cala pane, pasta e vino. Tra gli spostamenti piu' significativi si registra infatti un calo nei consumi di pane (- 7 per cento), pasta di semola (- 4,3 per cento), latte fresco (- 2,2 per cento), formaggi (-0,4 per cento), vino (- 8,4 per cento), frutta (- 2,6 per cento), verdura (-2,6 per cento), olio di semi (- 5,9 per cento), carne bovina (- 4 per cento) e suina (- 4,6 per cento), mentre aumenta la carne di pollo (+ 6,2 per cento), le uova (+ 5,3 per cento), yogurt (+ 4,2 per cento), l'acqua (+ 1 per cento) e l'olio extravergine (+ 1,8 per cento), secondo le stime elaborate dalla Coldiretti su dati Ismea Ac Nielsen relativi ai primi nove mesi del 2007.

http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Moneta e Inflazione
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO