TuttoTrading.it

18/11/2006 A Contromafie non siamo soli (www.lanuovaecologia.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Andrea, Giorgio e Lelia hanno fondato l'Associazione "Cogito?" in provincia di Salerno: «Con il punto interrogativo perché vogliamo far riflettere i giovani». Da Contromafie portano a casa la consapevolezza di non essere soli nella lotta alla mafia

Vengono da tutt’Italia le migliaia di ospiti di Contromafie, e sono soprqatutto giovani. Colme Giorgio, Lelia e andrea che ad Albanella in provincia di Salerno hanno fondato un’associazione che si occupa di legalità e immigrazione. Si chiama “Cogito?” «Con il punto interrogativo – spiega Giorgio, ventiduenne presidente dell’associazione – perché viviamo in una realtà completamente appiattito, da dove i ragazzi vanno via prestissimo senza instaurare un minimo di rapporto con il tettirorio. Il punto esclamativo è quindi un invito a riflettere». L’associazione Cogito è nata nel 2001, «abbiamo fatto un giornale – continua Andrea - una scuola di italiano per immigrati e progetto sull’illegalità nelle scuole perché dall’indagine bufala connection sono stati arrestate persone del nostro paese. Il percorso socio politico culturale ha permesso di allargarci sul territorio, dove siamo gli unici a parlare di camorra nelle scuole».

A Libera i ragazzi di “Cogito?” sono venuti innanzitutto per conoscere altra gente e trovare altre pratiche di lotta alle mafie sul territorio e costruzione della legalità. «In periferia il problema è l’isolamento – riprende Giorgio - in provincia è difficile parlare di mafia, più che a Palermo e a Napoli. E pensare che ad Albanella dal 1979 all’83 si è rifugiato il boss Raffaele Cutulo. Le istituzioni cercano di isolarci perché fondano la loro politica sul clientelismo e il ricatto del posto di lavoro. Ma se hai coraggio di denunciare senza il compromesso l’isolamento è relativo perché entri in contatto con gli altri».

Contromafie, dunque, è l’occasione per stringere legami, rapporti e trovare fiducia nell’impegno di tutti i giorni. «Abbiamo trovato – dice Andrea - nel procuratore DDA di Napoli Franco Roberti una certa concretezza nell’analisi della presenza della Camorra a Napoli. Poi in Gerardo Rosania, consigliere regionale in Campania per Rifondazione Comunista, abbiamo trovato la politica che non cerca compromesso con il sistema. E poi da sindaco di Eboli ha abbattuto le case dei camorristi nel salernitano. Ora torniamo a casa con la consapevolezza di non essere soli, e che il nostro territorio ha un riscontro in una dimensione che è più larga della nostra».

  • 19/11/2006 Archivio Contromafie

  • Archivio Mafia
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO