TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 06/09/2006 Salari al Minimo (Bianca Cerri, http://www.altrenotizie.org)

  • Pagina Lavoro
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Pagina Politica
  • Ricerca personalizzata

    La leggenda vuole che anche il cittadino più umile possa aspirare alla Casa Bianca, ma a ben guardare le cose non stanno proprio così. Almeno a giudicare dal conto in banca di alcuni degli uomini politici americani più potenti. Mettendo da parte George Bush, i cui averi sono ormai incalcolabili, il partito repubblicano conta tra i suoi rappresentanti solo miliardari.

    Robert Frist, che ha preso il posto di Tom DeLay come capogruppo alla Camera, è un uomo che ama dissertare di economia ed ha aperto ammesso di essere fortemente contrario all'aumento dei minimi salariali per gli operai. Forse perché difficilmente dovrà temere l'arrivo della fine del mese con 50 milioni di dollari in titoli azionari investiti.

    Charles Grassley, tesoriere repubblicano, è un altro nemico dichiarato dell'aumento dei salari ai lavoratori. Recentemente ha affermato che gli americani che vivono unicamente del proprio stipendio non superano il 5% e quindi ogni maggiorazione dei salari sarebbe superflua. Con il milione e settecentomila dollari investiti in terreni, Grassley non teme il futuro, così come non lo teme il suo collega di partito Mitch Mc Connelly, anche lui proprietario terriero con possedimenti per milioni di dollari nello stato di Washington.

    La perdita di posti di lavoro non spaventa i repubblicani. Judd Gregg, che ha la poltrona più solida del New Hampshire, smentisce che il governo sia responsabile della preoccupante emorragia di posti di lavoro negli Stati Uniti. A suo parere, sono proprio i molti privilegi concessi ai lavoratori ad aver creato la disgrazia di chi un lavoro non ce l'ha. Nel suo caso, i quattro milioni di dollari del suo conto corrente, lungi dall'essere dei privilegi, sono frutto unicamente del sudore della sua fronte.

    Johnny Isakson, ministro del Lavoro, in Georgia, smentisce che oggi negli Stati Uniti esistano categorie disagiate. Se ci sono, lui comunque non ne fa parte. Con un pacco di fondi del valore di 32 milioni di dollari e altri due milioni di dollari in terreni, lui non può dirsi disagiato. Qualche difficoltà avrebbe invece potuto esserci per il rappresentante dei lavoratori al Senato dell'Oregon, Gordon Smith. Smith aveva spaventato i repubblicani auspicando un aumento dei minimi salariali per i lavoratori di alcune categorie. Per sua fortuna, al momento di votare la legge ci ha ripensato. Non si sa mai, qualcuno avrebbe potuto ricordarsi degli oltre 130 milioni di dollari che Smith è riuscito ad incamerare in cambio di due parole a favore dei lavoratori.

    Infine, un plauso al ministro del Lavoro del Tennesse, Lamar Alexander: se i colleghi bene o male hanno accettato di discutere di minimi salariali, lui non ha mai partecipato neppure ad un dibattito e nega decisamente che in Tennesse esista la necessità di aumentare i salari. Se mai, vuole essere avvertito dal momento che, dopo aver intestato beni per quasi cento milioni di dollari alla moglie, lui risulta nullatenente.


  • Pagina Lavoro
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Pagina Politica
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO