TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 12/07/2006 Lidl - Critiche (Da Wikipedia, l'enciclopedia libera)

    Ricerca personalizzata

    In Germania Lidl ha ricevuto accese critiche a causa di un cattivo trattamento dei propri lavoratori. Secondo queste accuse l’azienda ostacolerebbe l’iscrizione ai sindacati e imporrebbe ritmi lavorativi pesanti, a fronte di salari troppo bassi. Il 10 dicembre 2004 l’importante sindacato tedesco Ver.di ha pubblicato il libro “Schwarzbuch Lidl” (Libro Nero Lidl), nel quale erano descritte con dovizia di particolari alcune politiche di sfruttamento e di controllo dei lavoratori applicate nell’azienda. Lidl ha risposto alle accuse definendole una “campagna diffamatoria”, ed ha giustificato alcuni casi isolati di cattivo clima lavorativo come il risultato di un forte ritmo di espansione, che non avrebbe consentito alla direzione centrale di sorvegliare ogni direttore. In ogni caso il centro di controllo della compagnia ha licenziato 20 direttori dei suoi supermercati. Inoltre, in risposta allo Schwarzbuch, l’azienda ha pianificato una campagna pubblicitaria sui giornali tedeschi, sottolineando di aver creato 50.000 posti di lavoro, 20.000 dei quali solo in Germania.

    In Norvegia Lidl è stata accusata di non rispettare le tradizioni del paese, costringendo i propri lavoratori a lavorare le tre domeniche precedenti il Natale e la vigilia fino alle cinque, quando la tradizione impone in queste giornate di chiudere gli esercizi commerciali all’una.

    Anche in Italia sono sorte molte polemiche riguardanti tematiche simili, al punto che, nel 2003, il giudice del lavoro del tribunale di Savona ha emesso una sentenza di condanna contro Lidl per attività antisindacale. La catena non consentirebbe l'apertura di rappresentanze sindacali nei propri punti vendita italiani.

    Inoltre Lidl è accusata di usare strategie aggressive nei confronti dei propri fornitori, al fine di mantenere bassi i prezzi al consumatore. In Spagna molti agricoltori hanno chiesto di boicottare la catena dato che, abusando della sua posizione dominante, ha fortemente depresso i prezzi di frutta e verdura.

  • Link originale
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO