TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 19/02/2006 Ricetta verde per rilanciare l' Economia e il Lavoro le Politiche industriali devono scommettere sulla Sostenibilità (Matteo Auriemma, www.verdi.it)

  • Pagina Lavoro
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Pagina Politica
  • Ricerca personalizzata

    Bisogna intervenire profondamente sulle politiche del lavoro se vogliamo rimettere in moto l'economia italiana". Natale Ripamonti, il vicepresidente dei verdi al Senato, non ha dubbi. "La sostenibilità deve essere il filo conduttore che deve orientare le politiche industriali. Solamente coniugando questo principio al mercato finanziario - prosegue il senatore - si potrà invertire la rotta intrapresa con il governo di centro-destra".

    Il fulcro delle azioni da seguire per rilanciare la competitività del nostro paese "deve puntare su orientamenti che mettono insieme la vivibilità sociale con il rispetto dell'ambiente". A questo proposito, Ripamonti sottolinea come "il Pil non può e non deve essere l'unico criterio per definire l'andamento economico del paese. Si deve introdurre l'indice di sviluppo umano, che prevede anche la difesa dei beni comuni (ad esempio l'acqua), come fattore di sviluppo e competitività".

    Da non sottovalutare anche l'importanza strategica che riveste il settore agricolo per la rinascita della nostra economia.

    Loredana De Petris, senatrice dei verdi e capogruppo in commissione Agricoltura, infatti sottolinea "la multifunzionalità dell'agricoltura. L'agroalimentare costituisce il secondo settore per volume d'affari; questo significa che si deve dare nuova centralità al mercato agricolo, facendolo diventare il punto di riferimento tra economia e territorio".

    Tra le priorità da mettere in atto, la senatrice non ha dubbi: "Il piano dello sviluppo rurale europeo (in vigore fino al 2013) deve rappresentare la linea guida da seguire per risanare il settore. Puntiamo ad ottenere dei finanziamenti che garantiscano la difesa della qualità, attraverso l'applicazione delle buone pratiche che abbiano come obiettivo la sicurezza alimentare e la tutela dei consumatori".

    Il pensiero corre subito al problema dell'influenza aviaria. "I cittadini chiedono maggiori garanzie - sottolinea la senatrice dei verdi - Per fare questo, si deve riprendere e applicare il principio di precauzione. Solamente in questo modo si può garantire al consumatore una maggiore tutela".

    Centrale anche il tema della difesa del made in Italy. Su questo la De Petris è netta: "Senza una corretta etichettatura e tracciabilità dei prodotti che ne garantisca la provenienza, il consumatore non si fida e non compra più".

    Sul Mezzogiorno Riccardo Di Palma, presidente della Provincia di Napoli, sostiene che "si deve mirare alla riqualificazione delle infrastrutture per garantire una migliore vivibilità del territorio. Da non sottovalutare inoltre - prosegue - che il mare rappresenta una grande risorsa per l'economia italiana sulla quale si deve decisamente puntare se si vuole rilanciare l'economia del nostro paese".

    Per fare questo, Di Palma sostiene che "bisogna sviluppare un sistema di depurazione adeguato che garantisca una maggiore tutela del nostro mare. Eppoi - conclude - basta con i condoni che devastano il territorio. Un'economia sana e prolifica deve orientarsi verso la salvaguardia e la tutela del territorio


  • Pagina Lavoro
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Pagina Politica
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO