TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 17/10/2005 Il Dissoccupato e la Paghetta (www.prontoconsumatori.it)

  • Pagina Lavoro
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Pagina Politica
  • Ricerca personalizzata

    La disoccupazione e' un male endemico di molte citta' del sud, Napoli in testa. Tanti problemi si appianerebbero se almeno questo problema si risolvesse. Facile a dirsi, meno a farsi. Resta, inoltre, il dubbio che mantenere la cittadinanza ostaggio di sussidi e regalie da parte dell'amministrazione -centrale o locale poco importa- sia meglio per l'amministratore di turno, perche' quella fetta di popolazione sara' fedele elettoralmente, pena la fine del sussidio. Tuttavia, qualche proposta per risolvere la disoccupazione a Napoli la si trova depositata anche in Parlamento.
    Visto il nome della nostra rubrica scegliamo la migliore quella che testualmente recita: "Bisogna passare dal Welfare al "Welfare to work"".
    La proposta e' la n.6017 del deputato forzista, napoletano verace, Aldo Perrotta: "Istituzione in via sperimentale nella citta' di Napoli di una indennita' di inserimento al lavoro in favore dei cittadini disoccupati".
    Tirare i dadi e iniziare il percorso nelle seguenti caselle:
    UNO. Si censiscono tutti i disoccupati napoletani e si chiamano ad un colloquio al ministero del Lavoro.
    DUE. Si organizzano dei corsi per preparare i nostri ad un lavoro, come richiesto dal mercato (?!), contemporaneamente se ne creano anche di nuovi per potere assumere i nostri disoccupati (?!).
    TRE. Alla fine di ogni mese i nostri percepiranno uno stipendio di 600 euro per tre anni a patto che frequentino almeno l'80% delle lezioni. Se faranno forca la "paghetta" sara' tagliata. Obbligo di frequenza per almeno il 60% delle lezioni. Quante siano le lezioni e quanto durino, non e' dato sapere, ma gia' mettere in piedi dei corsi e' fonte per creare nuovi lavori: insegnanti, segreteria, presidi, bidelli, addetti alle pulizie delle aule, ecc...
    QUATTRO. Se nel frattempo il nostro disoccupato viene assunto, la "paghetta" passa pari pari al datore di lavoro (e prenditore di paghetta). Il nostro esce dalla scuola per entrare nel mondo del lavoro, il sogno si e' realizzato! Fine del gioco.
    CINQUE. Tutti gli enti pubblici, e controllati dal pubblico, ogni volta gli si libera un posto, devono assumere uno dei nostri alunni. Il fatto che si liberi quello dell'usciere o del manager, non e' importante, l'importante e' riempire il posto vacante.
    SEI. Se uno dei nostri disoccupati invece dell'assunzione mirasse a crearsi un lavoro da libero professionista godra', alla fine del corso, di un prestito bancario in un unica soluzione della paghetta triennale, pari cosi' a 21.600 euro. Lo Stato garantisce, gli interessi li paga l'ex disoccupato. Fine del gioco, forse.

    All'arrivo ci saranno tutti. Quelli piu' fortunati saranno assunti nel pubblico impiego, quelli piu' intraprendenti avvieranno una libera professione e quelli con meno ambizioni si accontenteranno di cio' che il destino, o San Gennaro, ha loro destinato.
    Comunque sia, nel giro di tre anni e a partire da ora, il problema e' risolto. A voi i dadi!

    Allegati

  • Pdl n.6017 - Istituzione in via sperimentale nella città di Napoli di una indennità di inserimento al lavoro in favore dei cittadini disoccupati


  • Pagina Lavoro
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Pagina Politica
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO