TuttoTrading.it

16/09/2005 Vietnam/Iraq: due invasioni a confronto (Dott.ssa Laura Scafati   www.popobawa.it - www.popoblog.splinder.com)

  • Pagina Iraq
  • Pagina Denunce
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Energia
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    Sono passati quasi quaranta anni dal Vietnam , il mondo si è evoluto mentre la Pace sembrava aver trovato la giusta strada per espandersi….Tutta un’illusione!
    Ecco che gli Stati Uniti ci riprovano con l’invasione irachena!!
    Questa volta la “ scusa” ufficiale è rappresentata dalla lotta al Terrorismo e dalla minaccia costituita dalle armi nucleari e biochimiche in mano a Saddam Hussein.
    Il motivo reale è ben occultato nella “sete” di petrolio che ossessiona il governo statunitense da molti anni. L’Iraq, in fin dei conti, rappresenta un’ottima scelta dal momento che possiede “circa 112 miliardi di barili di riserve certe di petrolio, le seconde per entità nel Mondo dopo l’Arabia Saudita, oltre ad ulteriori 215 miliardi di barili probabili e possibili” (cfr. U.Rapetto – R. Di Nunzio “ attacco all’Iraq, 100 ragioni segrete, incredibili, ovvie” Bur 2003, pg.55).
    Ma non basta poiché l’Iraq dispone di grandi riserve di gas di cui il sottosuolo è ricchissimo. Circa il 70% delle riserve sono di gas associati, vale a dire prodotti di congiunzione con il petrolio mentre la restante parte è composta da gas non associati ( 20%) e gas “ dome” ( 10 %).
    L’altro obiettivo meno nascosto è rappresentato dalla conquista strategica di un Paese, che si trova in una Regione del mondo nella quale gli attuali alleati degli Stati Uniti sono poco affidabili.
    Guarda caso, l’obiettivo è molto simile a quello che ha offerto l’input per la guerra in Vietnam! Un personaggio è stato, in un certo modo, il vero stratega della preparazione per l’invasione irachena ed il suo nome è: Gorge Bush padre!
    Egli è un petroliere e molta della sua colossale fortuna deriva, appunto, dall’oro nero.

    Non bisogna neppure dimenticare che furono proprio le Compagnie petrolifere a fornirgli la maggior parte del denaro necessario per finanziare la sua elezione.
    Bush aveva compreso che più si riusciva a dividere i produttori di petrolio arabi  più potere avrebbero avuto su di loro gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e gli altri Paesi industrializzati.
    Creare, pertanto, un conflitto in Medio Oriente avrebbe portato ad alzare i prezzi del petrolio ed avrebbe causato malcontento ed ostilità all’interno del mondo arabo;  a quel punto le Compagnie petrolifere avrebbero potuto imporre il principio del “ dividi e impera” nell’imporre le proprie condizioni. Il “ dividi e impera” che abbiamo visto applicare per la guerra vietnamita. Se poi si riesce addirittura ad organizzare un conflitto tale da coinvolgere un gruppo di Paese che combattono sotto l’egida delle Nazioni Unite…..il gioco è fatto!
    A questo punto, si crea un dittatore, che per molti anni viene considerato “ amico” dal governo statunitense e poi lo si incastra al pari del dittatore Diem.
    Il governo Bush, quindi, arma e finanzia l’esercito di Saddam Hussein mentre si “ chiudono gli occhi” di fronte alle vessazioni a cui sottopone il suo Popolo.
    La sua figura fa comodo e poco importa che parte del denaro che gli viene concesso serve per acquistare gas velenoso per uccidere i suoi nemici di sempre.
    Non importa dal momento che questo gas viene acquistato da un’organizzazione cilena che fa capo alla CIA, chiamata “ Cardeon Industries” ( cfr: Rodney Stich, Defrauding America – Frodano l’America- Diablo Western Press, Alamo, California 1994, pg.426).

    Già…la CIA….una vecchia conoscenza sempre presente quando si tratta di seminare conflitti ed ordire trame occulte! Ma non solo, è sempre la CIA ( come avvenne per il dittatore Dem) a sostenere il partito Baath in Iraq e ad insediare, nel 1968, Saddam Hussein!
    Bush ha necessità di applicare i suoi piani ed allora crea i presupposti per la guerra del Golfo, che – a volerla dire proprio tutta- sembra lo specchio della guerra in Vietnam!
    Gli stessi individui, stessi piani, stessi metodi, stesso massacro di innocenti!
    Uomini, donne e bambini vengono sottoposti al bombardamento più intenso che la Storia mondiale ricordi. Mentre morivano a migliaia, i media ci mostravano immagini fornite dalle forze armate statunitensi di “ bombe intelligenti”, che non sbagliavano mai un tiro.
    Niente di più falso dal momento che il 70% di queste bombe non si dimostrarono intelligenti per nulla! Poi venne il momento di una speciale arma da fuoco: il “ Big Blue” che produce un’onda d’urto superiore solo alle armi nucleari ( cfr. Los Angeles Times, 24 febbraio 1991) per arrivare, poi, alla bomba “ Alveare”, che lancia in tutte le direzioni 8.800 frammenti di affilatissimi proiettili capaci di tagliare il corpo di un uomo in mille pezzi.
    I “ Lazy- Dogs” del Vietnam ne hanno fatta di strada!

    Sul fronte terrestre furono sepolti vivi migliaia di soldati iracheni poiché l’ONU – in palese trasgressione del diritto internazionale- entrò con i blldozer nelle loro trincee.
    Già, la Convenzione di Ginevra considerata un opzional anche per quanto riguardò il Vietnam!
    A questo punto  della Storia, Bush padre lascia l’eredità al figlio che cammina sulle orme paterne incurante del resto del mondo. Poco ha interessato che le “ famose” armi di distruzioni di massa non sono state mai trovate in possesso di Saddam Hussein; l’invasione irachena doveva andare avanti ed il dittatore – al pari di Dem- doveva essere defenestrato poiché non serviva più! L’Iraq, quindi, viene invasa seguendo lo stesso copione già provato in Vietnam: nel più completo disprezzo della legalità nazionale ed internazionale.
    Migliaia di civili innocenti sono morti e continuano a morire tra i bombardamenti e gli attentati terroristici.
    Il Paese è nel più completo caos e l’illegalità regna sovrana!
    A nulla sono servite le elezioni “ farsa” perché la formula di voler imporre la “ democrazia” dal di fuori e con la forza  si è rivelata anche in questo caso una delle peggiori scelte che potessero mai essere fatte.
    La storia vietnamita è stata già scritta, quella irachena è ancora in pieno svolgimento, ma in questo ultimo caso esiste un’incognita nuova, che è rappresentata dal Terrorismo al cui fuoco incrociato siamo, ormai, tutti esposti. Qualcuno ancora dice che questo conflitto è nato in seguito ai fatti dell’11 settembre, personalmente non ci credo dal momento che considero questa guerra come una “ storia del petrolio”.

    Inutile ricordare che l’invasione irachena ha provocato un numero maggiore di vittime di quelle rimaste sotto le Due Torri di New York. Secondo me, quello a cui stiamo assistendo ogni giorno è un vero e proprio ricorso storico dove “ a schiacciare la testa al mostro si candida sempre per primo chi il mostro lo ha creato”.
    Nutro una sincera preoccupazione che tale conflitto possa generare altri conflitti e che le bombe sull’Iraq arrivino prima o poi ad incendiare il mondo.
    L’unica strada possibile per arrivare alla Pace è ormai quella della politica e della diplomazia e se non si troveranno punti d’incontro il nostro futuro non si presenta sotto le migliori stelle.
    La Storia è stata sempre rappresentata come “ Maestra di vita”, mai come oggi tale modo di pensare mi appare obsoleto ed errato. Stiamo vivendo Tempi molto pericolosi e ci rimane solo da sperare che qualcuno vi ponga rimedio.


  • Pagina Iraq
  • Pagina Denunce
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Energia
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO