TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 16/04/2008 Paraguay, elezioni sul filo del rasoio. L’intervista a Norberto Bellini, autore di Emboscada. Le lotte contadine contro la dittatura in Paraguay (Comunicato stampa, Infinito edizioni, aprile 2008)

    Ricerca personalizzata

     

    Quello con Norberto Bellini, co-fondatore delle Leghe Agrarie paraguaiane e perseguitato dal regime dittatoriale di Alfredo Stroessner, il più longevo dell’America Latina del XX secolo, è un incontro ricco di spunti per riuscire a comprendere una realtà poco conosciuta ma assai rilevante sul piano regionale latinoamericano come quella del Paraguay.

    Anticipiamo un estratto dell’intervista firmata da Luca Leone che è disponibile, con preghiera di citazione della fonte, per i colleghi giornalisti sul sito internet www.infinitoedizioni.it.

     

    Norberto Bellini, il Paraguay è uscito da una delle dittature più lunghe e dolorose (e misconosciute) dell'America Latina. Nessuno degli appartenenti all'apparato della dittatura ha in realtà pagato e oggi molti di loro continuano a fare politica e a rivestire ruoli di prestigio, nonostante non godano del supporto di buona parte del Paese. In questo contesto, quanto il rischio di brogli e il pericolo di violenze potrà condizionare sia il voto sia – forse soprattutto – lo scrutinio?

     

    Il 20 aprile i paraguaiani saranno chiamati per la quarta volta dalla caduta di Alfredo Stroessner a eleggere il Presidente della Repubblica, i membri di Camera e Senato, i governatori delle Regioni e, per la prima volta, i membri di una struttura che è l’equivalente del Parlamento Europeo, e cioè il Parlamento del Mercosur, il mercato comune sudamericano, composto da Brasile, Uruguay, Argentina e Paraguay.

     

    Per capire l’importanza di queste elezioni bisogna chiarire il ruolo che ha avuto e ha in questo Paese il Partito Colorado, al potere dal 1947, quindi da oltre 60 anni. È il partito che ha legittimato il colpo di stato del generale Stroessner nel 1954, e lo ha appoggiato e mantenuto ininterrottamente al governo per 35 anni, grazie a elezioni farsa cui si consentiva partecipassero pseudo-partitini di opposizione. Il colpo di stato del febbraio 1989 guidato dal generale Rodríguez, consuocero di Stroessner, ha posto fine alla dittatura e aperto la cosiddetta “fase della democratizzazione”. In realtà ben poco è cambiato, politicamente, perché il Partito Colorado ha continuato a governare.

     

     Vi sono state alcune aperture democratiche: si è emanata, ad esempio, una nuova Costituzione che prevede l’elezione del presidente della Repubblica per un solo mandato e si è avuta una maggiore libertà di stampa, però non si sono affrontati i problemi cruciali del Paese, primo fra tutti quello di una vera riforma agraria. Così la forbice tra una piccola oligarchia di ultra-ricchi e la massa dei poveri si è ulteriormente allargata. Attualmente, su 6 milioni di abitanti, oltre 100.000 si trovano in Spagna, alla ricerca di una qualche prospettiva di vita. Si tratta per la maggior parte di immigrati clandestini.

     

    A questi bisogna sommare i paraguaiani che hanno raggiunto l’Argentina e altri Paesi dell’Unione europea, tra cui l’Italia. Moltissime famiglie paraguaiane sopravvivono oggi in patria grazie alle rimesse di questi emigrati.

     

    Infinito edizioni

    06 93162414

    320 3524918 (Maria Cecilia Castagna)

    347 3807428 (Luca Leone)

    info@infinitoedizioni.it

    www.infinitoedizioni.it

  • Archivio Internazionali
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO