TuttoTrading.it

22/08/2007 Il gap manageriale del vecchio continente * (Nick Bloom, Raffaella Sadun, John Van Reenen, http://www.lavoce.info)

Ricerca personalizzata

La modesta crescita della produttività registrata da molti paesi europei rispetto agli Stati Uniti è una delle questioni più dibattute nei circoli di politica economica. Un’opinione diffusa è che le differenze nel tipo di pratiche manageriali adottate nei vari paesi giochino un ruolo decisivo nello spiegare le diverse dinamiche di produttività. Questo tipo di spiegazione vede i suoi albori nei lavori degli storici economici Alfred Chandler e David Landes, i quali addebitavano l’arretratezza delle imprese europee alla scarsa qualità delle loro pratiche manageriali. A conferma di questa ipotesi, i tecnici e gli uomini di affari inviati in Europa nel 1947 nell’ambito del piano Marshall sostenevano che l’efficienza delle pratiche manageriali fosse il principale fattore alla base del vantaggio delle imprese statunitensi.
Tradizionalmente, gli economisti sono stati restii a partecipare al dibattito sul rapporto fra management e produttività. Questo atteggiamento è attribuibile principalmente alla mancanza di dati che documentassero in modo sistematico le diverse pratiche manageriali adottate dalle imprese. Nel corso degli ultimi anni, il Centre for Economic Performance della London School of Economics ha condotto una serie di ricerche finalizzate a colmare questo vuoto. Fra il 2004 ed il 2006 abbiamo misurato sistematicamente le pratiche manageriali di circa 4,000 imprese manifatturiere in 12 paesi, fra l‘Europa, gli Stati Uniti e l’Asia.
Combinando i risultati delle nostre survey sulla qualità del management con dati contabili a livello di impresa, siamo stati in grado di esplorare il rapporto fra il management, le caratteristiche dell’economia e la performance aziendale. La nostra ricerca mostra che migliori pratiche manageriali si accompagnano ad una superiore produttività d’impresa ed al positivo andamento di altri indicatori di performance aziendale, come il ritorno sul capitale impiegato, il fatturato per dipendente, la crescita del fatturato e l’incremento nelle quote di mercato. Il fatto che questi risultati si riscontrino in tutti i paesi nel nostro campione suggerisce che la nostra definizione di "buone" pratiche manageriali non misuri semplicemente approcci manageriali di stampo anglosassone.
I dati mostrano che le differenze nelle pratiche manageriali adottate spiegano una parte sostanziale – fra il 10% ed il 30% - delle differenze di produttività fra imprese e paesi. I fattori che determinano tale eterogeneità nella qualità del management fra imprese che competono su mercati simili è uno dei temi esplorati dalla nostra ricerca. In questo articolo presentiamo alcune possibili spiegazioni per tali differenze e proponiamo alcune misure di policy che a nostro parere possono incoraggiare l’adozione di pratiche manageriali efficienti.

Misurare le pratiche manageriali

La nostra ricerca si basa su una misura di management che può essere applicata a diversi tipi di imprese manifatturiere. La valutazione delle pratiche manageriali avviene mediante un’intervista telefonica con i direttori di stabilimento, nel corso della quale 18 aree chiave del management di impresa sono codificate e valutate su una scala che va da 1 a 5 (5 rappresenta le pratiche manageriali ottimali). Le 18 aree considerate possono essere divise in quattro tipologie:

· Attività di produzione, per capire se le aziende adottano misure di lean manufacturing

· Monitoraggio della performance aziendale, per capire se le aziende monitorano sistematicamente la propria attività di produzione

· Determinazione degli obiettivi, per capire se le aziende si prefiggono obiettivi appropriati e se reagiscono adeguatamente al loro eventuale mancato raggiungimento

· Determinazione degli incentivi, per capire se le aziende assumono e sviluppano attivamente i soggetti migliori, e se li incentivano in modo conforme alla loro performance

 

I nostri intervistatori hanno parlato con uno o due direttori di stabilimento per impresa. I manager sapevano solo di partecipare ad un progetto di ricerca, e gli intervistatori non avevano alcuna informazione sull’impresa prima dell’intervista. Abbiamo scelto di parlare con i direttori di stabilimento poiché queste figure manageriali sono, allo stesso tempo, abbastanza lontani dall’attività produttiva per averne una visione di insieme, e abbastanza vicini da conoscerne i dettagli. Le interviste si basano su domande aperte ed abbiamo richiesto agli intervistatori di richiedere che ogni risposta venisse accuratamente dettagliata e giustificata da parte dei managers.

 

Il management nel mondo

I nostri dati mostrano marcate differenze nella qualità del management fra i paesi coperti dalla nostra ricerca. Gli Stati Uniti sono in cima alla classifica del management, mentre Grecia, India e Cina si trovano negli ultimi posti. Germania, Svezia e Giappone sono fra i migliori, mentre Francia, Italia e Regno Unito sono a metà classifica.

Gli Stati Uniti non eccellono sotto ogni aspetto. Le imprese nordamericane sono particolarmente forti nel people management (che include la promozione e l’adeguata remunerazione dei migliori dipendenti), ma Svezia, Francia, Italia, Giappone e Germania sono relativamente migliori degli Stati Uniti negli aspetti del management attinenti alla produzione (operations management).

Le differenze fra paesi sono in grado di spiegare solo il 9% della variabilità delle pratiche manageriali. L’eterogeneità del management all’interno dei diversi paesi è di gran lunga maggiore delle differenze fra paesi. Per esempio, il 35% delle imprese cinesi ed indiane registra una performance manageriale migliore dell’impresa media in Europa.



L’importanza della flessibilità

Alcuni strumenti di politica economica possono incoraggiare l’adozione di pratiche manageriali efficienti. Fra questi, gli interventi atti a stimolare la concorrenza dei mercati e la flessibilità del mercato del lavoro.
Abbiamo chiesto alle imprese del nostro campione di calcolare approssimativamente il numero di concorrenti nel loro mercato. La valutazione del management cresce al crescere del numero di concorrenti dichiarato nel corso dell’intervista. Questo può essere il risultato di due effetti. Primo, le pratiche manageriali migliori si diffondono più velocemente all’interno di mercati concorrenziali. Secondo, nei mercati più concorrenziali le pratiche manageriali inefficienti vengono eliminate da processi di selezione, che marginalizzano le imprese peggiori.
La ricerca mostra anche che la maggiore flessibilità del mercato del lavoro è associata con una migliore gestione delle risorse umane. Le imprese che operano in paesi dove il mercato del lavoro è flessibile (secondo l’indice di "Employment law rigidity" della Banca Mondiale) registrano valutazioni migliori nel people management. Gli Stati Uniti, caratterizzati da un mercato del lavoro estremamente flessibile, registrano in assoluto il migliore risultato nel people management.

Il ruolo della proprietà e dell’educazione

Le diverse tipologie di proprietà di impresa ed il livello di educazione del management e della forza lavoro sono fra i fattori determinanti della qualità del management.
La proprietà familiare – soprattutto se accompagnata dalla pratica di trasmettere la carica di amministratore delegato ai primogeniti – è associata a pratiche manageriali particolarmente scadenti. Questo risultato potrebbe essere di estrema importanza per l’Europa, dal momento che circa il 10% delle imprese manifatturiere nel Regno Unito, Francia, Italia, Portogallo e Grecia sono a conduzione familiare e scelgono l’amministratore delegato in base al criterio della primogenitura. In confronto, negli Stati Uniti solo il 2% delle imprese intervistate è di proprietà familiare e con CEO scelto sulla base della primogenitura.
Anche l’educazione della forza lavoro (managers e non) sembra avere un ruolo decisivo per il management. Per esempio, l’84% dei managers ed il 25% dei non managers delle imprese migliori (dal punto di vista della nostra valutazione delle loro pratiche manageriali) hanno un livello di educazione pari (o superiore) alla laurea. Fra le imprese peggiori, solo il 54% dei managers ed il 5% del resto dei dipendenti hanno la laurea.

Come colmare il divario?

La nostra ricerca mostra l’esistenza di un gap manageriale molto marcato fra molti paesi europei e gli Stati Uniti. A nostro parere, questa situazione può essere modificata dai Governi europei, incoraggiando l’adozione di pratiche manageriali efficienti.
Mercati concorrenziali e mercati del lavoro flessibili sono fortemente associate a migliori pratiche manageriali, così come il livello di educazione della forza lavoro. Interventi atti a migliorare questi aspetti saranno decisivi nel processo di trasformazione che i diversi paesi – emergenti e non – devono seguire se vogliono conservare o migliorare la loro competitività sui mercati globali.

(1) Questo progetto e’ stato condotto insieme da Nick Bloom (Stanford University), John Van Reenen (Centre for Economic Performance, LSE), Christos Genakos (Cambridge University) e John Dowdy e Stephen Dorgan (McKinsey & co). Per maggiori dettagli si consulti Bloom, Dowdy, Dorgan and Van Reenen (2007),’Management Practices and Productivity: Why They Matter’, http://cep.lse.ac.uk/management
(2) Per tutti I dettagli sulla metodologia della nostra survey – incluse l;e domande – si consulti Bloom and Van Reenen (2006), ‘Measuring and Explaining Management Practices across Firms and Nations’, Centre for Economic Performance Discussion Paper No. 716 e di prossima pubblicazione sul Quarterly Journal of Economics, http://cep.lse.ac.uk/pubs/download/dp0716.pdf

* Il testo in versione inglese e integrale è disponibile su www.voxeu.com

  • Archivio Internazionali
  • Ricerca personalizzata