TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 14/02/2009 Il guastafeste - Io e Silvio (http://www.antoniodipietro.it)

    Ricerca personalizzata

    Riporto un brano tratto da "Il guastafeste", la mia autobiografia pubblicata da "Ponte alle Grazie" e scritta dal mio intervistatore Gianni Barbacetto, dal titolo "Io e Silvio" (pag. 121).

    Gianni Barbacetto: I suoi sostenitori apprezzano la sua combattività nei confronti di Silvio Berlusconi, con cui lei non ha mai avuto un rapporto dialogante, a differenza di altri leader del centrosinistra. I suoi detrattori, al contrario, le rimproverano di avere per Berlusconi una vera e propria ossessione, che diventa a loro dire il tratto caratteristico della sua politica. Dica la verità, lei è ossessionato da Berlusconi?
    Antonio Di Pietro: Il destino ha voluto che io mi sia trovato a fare politica proprio nel periodo in cui la scena è stata occupata da Silvio Berlusconi, per cinque volte candidato alla presidenza del Consiglio, per tre volte vincitore delle elezioni. Non è dunque colpa mia se di lui dobbiamo parlare, se a lui dobbiamo opporci. Impossibile non misurarsi con questa presenza ingombrante nella situazione italiana. Io con Berlusconi ho dovuto avere a che fare per motivi di lavoro, quando ero magistrato, poi per motivi personali, quando sono stato imputato, infine, oggi, per motivi politici. L’ho conosciuto bene, ho avuto modo di rendermi conto di chi è davvero. Conosco ormai bene la sua vita, la sua storia personale, la sua storia imprenditoriale, la sua storia giudiziaria, la sua storia politica. Sono convinto che sia un’anomalia italiana. Come si fa a non occuparsene, come si fa a non denunciarla? Non sono io ad avere la mania di Berlusconi, è Berlusconi che da quindici anni è dentro le istituzioni italiane in modo anomalo, essendo in pieno e radicale conflitto di interesse. In nessun altro Paese civile al mondo, sarebbe permesso a un imprenditore, concessionario del sistema televisivo, e con gravi problemi di giustizia, di fare pure il presidente del Consiglio. In Israele e perfino in Colombia, i leader politici di quei Paesi, Olmert e Uribe, sono stati messi in discussione quando la magistratura si è dovuta occupare di loro. Da noi, invece, a fare scandalo non è chi va sotto indagine, ma chi, come me, pone un problema morale e istituzionale. Olmert, primo ministro d’Israele, dopo essere stato indagato si è dimesso, dichiarando di « essere fiero di vivere in un Paese dove il primo ministro può essere messo sotto processo ». Da noi Berlusconi dice invece che i giudici sono suoi avversari politici e li tratta come tali. Peraltro, pure truccando le carte. Infatti, in tutti questi anni, ogni volta che ha dovuto giocare una partita giudiziaria, è sempre ricorso a qualche legge ad personam che gli permettesse di rivoltare il tavolo al momento opportuno. Da ultimo, si è pure fatto fare una legge apposita – il lodo Alfano – per diventare praticamente intoccabile. Addirittura voleva scegliere come giudice costituzionale Gaetano Pecorella, che era stato il suo avvocato nelle aule di giustizia e il suo costruttore di leggi ad personam in Parlamento. E Berlusconi si è pure permesso di minacciare la Consulta, nel caso dichiari incostituzionale il lodo Alfano. Di fronte a tale scempio di legalità e democrazia, non credo proprio che si possa restare zitti e fermi a guardare. Altro che ossessione.

    Gianni Barbacetto: Quando ha avuto a che fare per la prima volta con Silvio Berlusconi?
    Antonio Di Pietro: Quando facevo il magistrato. Di lui, all’inizio degli anni Novanta, sapevo solo che era uno che si occupava di televisione. Avevo cominciato a sentire parlare di Berlusconi quando l’allora presidente del Consiglio Bettino Craxi lo aveva favorito, permettendogli di raggiungere una posizione monopolista nel settore delle TV commerciali.

    Gianni Barbacetto: Quelle TV la sostennero, quando lei diede avvio all’inchiesta Mani pulite…
    Antonio Di Pietro: Sì, e la più schierata con me fu – ironia del destino – proprio Retequattro. Il direttore del TG4, Emilio Fede, fece installare davanti al Palazzo di giustizia milanese una postazione fissa con un giovane cronista, Paolo Brosio, che divenne famoso proprio per i suoi collegamenti durante Mani pulite e per i rimbrotti in diretta che subiva quotidianamente da Fede.

    Gianni Barbacetto: TV, sorrisi e canzoni, giornale di Berlusconi, le dedicò perfino una copertina…
    Antonio Di Pietro: È vero. Berlusconi e i suoi media all’inizio hanno sostenuto Mani pulite. L’hanno fatto fino a quando erano gli altri a rimanere coinvolti nella rete delle indagini. Col senno di poi ho capito perché può averlo fatto: più imprenditori cadevano nella rete giudiziaria, più opportunità imprenditoriali si aprivano per lui. Poi, quando l’inchiesta ha cominciato a lambire anche le sue aziende e i suoi interessi, ha cambiato registro. Berlusconi si dev’essere accorto che l’inchiesta andava avanti e che rischiava di arrivare fino a lui. Lui l’ha capito prima di me, evidentemente, perché sapeva prima di me chi c’era dietro, per esempio, al conto All Iberian da cui erano transitati fondi che servirono per pagare grosse somme di denaro a Craxi. C’era lui!

    Gianni Barbacetto: Una supermazzetta da ventuno miliardi di lire, la più grande tangente mai scoperta pagata a un singolo uomo politico. I soldi arrivavano dal conto estero di una società che si chiamava All Iberian. Voi del pool Mani pulite avete pensato, sulle prime, che appartenesse al costruttore Salvatore Ligresti.
    Antonio Di Pietro: Invece le rogatorie internazionali ci hanno fatto scoprire che All Iberian era una società nata dal gruppo Fininvest di Silvio Berlusconi. Ecco quando nasce il conflitto ancor oggi in corso: quando Berlusconi capisce che, indagando sulle tangenti pagate a Craxi, stiamo per arrivare a All Iberian. Nello stesso periodo, erano aperte altre indagini, che avevano coinvolto suo fratello Paolo Berlusconi: indagini sul fondo pensioni della Cariplo, sulle discariche, sulle tangenti pagate alla Guardia di finanza per alleggerire i controlli fiscali. Quest’ultima inchiesta, che aveva coinvolto decine e decine di imprenditori, arriverà anche a Silvio. Tra le tante aziende che avevano subìto verifiche fiscali « ammorbidite » da tangenti, ce n’erano quattro – Mondadori, Mediolanum, Videotime, Telepiù – che appartengono a Berlusconi. Le indagini sulle verifiche della Guardia di finanza arrivano fino ai suoi collaboratori più stretti, Salvatore Sciascia, Massimo Maria Berruti. A questo punto, Berlusconi si rende conto che il cerchio si sta stringendo attorno a lui, e Mani pulite diventa, da grande indagine per pulire l’Italia, un obiettivo da colpire. E Di Pietro, da eroe da mettere sulla copertina di TV, sorrisi e canzoni, diventa un nemico da delegittimare.

    http://www.antoniodipietro.it
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Libera Informazione in Libero Stato
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO