TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 24/03/2007 Acque agitate nella Cdl sul voto rifinanziamento delle missioni, Afghanistan compreso (http://www.canisciolti.info)

    Ricerca personalizzata

    Forza Italia e Alleanza Nazionale devono dire chiaramente se al Senato voteranno o meno il decreto di rifinanziamento delle missioni, Afghanistan compreso. E' la posizione espressa stamattina dal segretario dell'Udc Lorenzo Cesa, dopo che ieri il leader di Fi Silvio Berlusconi ha fatto sapere che sta "riflettendo" sul voto di martedì, come il leader di An Gianfranco Fini.

    Cesa, a Berlino per il vertice dei leader dei Popolari europei che precede il summit Ue per il cinquantesimo dei Trattati di Roma, ha chiesto "chiarezza a Fini e Berlusconi" e ha invitato a finirla con "tatticismi" e "balletti mediatici". "I moderati devono sapere con chiarezza quello che fa ognuno di noi all'opposizione", ha spiegato il segretario dell'Udc, che ha garantito il suo voto favorevole al decreto.

    Berlusconi non ha voluto fare commenti in proposito . Parlando coi giornalisti a Berlino si è limitato a dire: "Stiamo riflettendo". "La chiarezza auspicata dall'onorevole Cesa riguarda in particolar modo l'Udc", ha ribattuto invece Fini in una nota. "I 'moderati italiani' hanno diritto di sapere perché qualcuno sembra non comprendere che, per salvaguardare la credibilità internazionale dell'Italia, mantenere gli impegni e tutelate i nostri soldati, è indispensabile liberarsi dal governo Prodi".

    All'avvicinarsi della scadenza di martedì lo scontro in Senato sull'Afghanistan è sempre più teso. Soprattutto dopo la vicenda di Daniele Mastrogiacomo, l'inviato di Repubblica rapito il 5 marzo nel sud del Paese assieme a due collaboratori afghani - uno poi ucciso, mentre dell'altro non si hanno notizie - e rilasciato lunedì in cambio della liberazione di cinque talebani, uno scambio criticato dagli Stati Uniti e da altri alleati.

    Ieri il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha voluto sottolineare che non ci sono "fratture" tra Washington e Roma. Ma le polemiche sono ancora accese: anche stamattina Berlusconi ha sottolineato che la gestione del sequestro ha contribuito a una "perdita di credibilità" dell'Italia a livello internazionale. E preoccupa il "nulla di scontato" messo sul tavolo ieri dal leader dell'opposizione sulla scia della vicenda. Al Senato, infatti, il centrosinistra può contare su una maggioranza risicata. Proprio a Palazzo Madama, e proprio sulla politica estera, il governo Prodi è caduto il mese scorso.

    Il leader dell'Udeur Clemente Mastella, intanto, non esclude che si possa votare l'ordine del giorno presentato dall'Udc, che chiede armamenti adeguati per i militari impegnati in Afghanistan e di dare loro la possibilità di difendersi, di fronte al deteriorarsi della situazione nel Paese. "Se l'Udc vota il decreto non sarebbe una forzatura politica votare con loro su nuove regole di ingaggio e sulla possibilità di attrezzare meglio i nostri militari", ha detto Mastella a Berlino.

    In realtà le regole d'ingaggio sono uguali per tutti i Paesi impegnati nella missione Isaf della Nato. Tuttavia l'Italia impone delle limitazioni ai suoi soldati, che sono 1.900 tra Kabul e la zona occidentale dell'Afghanistan, di cui hanno il comando e all'interno della quale gestiscono il Prt di Herat. Nei giorni scorsi il governo ha fatto sapere di essere disposto a soddisfare richieste di armamenti e mezzi che dovessero arrivare dai militari.

    Herat non è lontana da Farah, un centro a ridosso della provincia meridionale di Helmand dove è in corso da due settimane una massiccia offensiva delle truppe Nato e afghane contro i talebani, che proprio qui hanno rapito Mastrogiacomo.Un parà italiano delle forze speciali è rimasto ferito martedì a Farah da colpi d'arma da fuoco sparati contro la sua pattuglia.

  • Archivio Leggi
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO