TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 23/07/2006 La Guerra è un Racket I (Smedley Butler, Maggior Generale - Corpo della Marina degli Stati Uniti,http://lexrex.com, www.comedonchisciotte.org)

  • Guerra Terrorismo
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Petrolio
  • Pagina 11 Settembre
  • Ricerca personalizzata

    CAPITOLO UNO - 1935 -- La GUERRA è un racket. Lo è sempre stato


    Forse il più vecchio, facilmente il più profittevole, sicuramente il più crudele. L'unico ad essere internazionale nel suo scopo. L'unico in cui i profitti vengono stimati in dollari e le perdite in vite umane.

    Un racket è meglio descritto, ritengo, come qualcosa che non è ciò che sembra alla maggioranza delle persone. Solo un piccolo gruppo "interno" sa di cosa si tratta. Viene condotto per il beneficio di pochi, a spese di molti. Da una guerra, poche persone traggono delle grandi fortune.

    Nella Prima Guerra Mondiale, fu solo una piccola manciata di individui a trarre dei profitti da questo conflitto. Durante questo periodo nacquero negli Stati Uniti circa 21.000 nuovi milionari e miliardari. Molti di questi presentarono i loro guadagni colossali nella dichiarazione dei redditi. Quanti siano gli altri milionari arricchiti dalla guerra che falsificarono la loro dichiarazione, nessuno lo sa.

    Quanti tra questi milionari avevano portato un fucile sulle spalle? Quanti tra loro hanno mai scavato una trincea? Quanti tra loro sapevano che cosa significava sentire i morsi della fame in un rifugio sotterraneo infestato dai topi? Quanti tra loro hanno passato delle notti intere senza dormire, nel terrore, abbassando la testa ogni volta per ripararsi dagli esplosivi, dalle raffiche dei mitra e delle mitragliatrici? Quanti tra loro sono riusciti a schivare la lama della baionetta di un nemico? Quanti tra loro sono rimasti feriti o uccisi in battaglia?

    In una guerra, le nazioni si impossessano di un nuovo territorio, se tornano vittoriose. Tutto qui: se lo prendono. Questo nuovo territorio conquistato sarà allora immediatamente sfruttato da quei pochi - la stessa piccola manciata di individui che spremono tutti i soldi che possono da una guerra. E tutto il grande pubblico si porta sulle spalle il conto.

    E il conto qual'è?

    Questo conto si traduce in un orribile rendiconto. Tante nuove lapidi. Corpi dilaniati. Menti distrutte. Cuori e case distrutti. Instabilità economica. Depressione e tutte le miserie che ne conseguono. Imposte massacranti per generazioni e generazioni.

    Per un bel po' di anni, come soldato, avevo il sospetto che la guerra fosse un racket; ma fu solo quando ritornai alla vita civile che me ne resi pienamente conto. Ora, vedendo avvicinarsi le nuvole di una nuova guerra internazionale, è bene affrontare la questione.

    Hanno di nuovo scelto di formare degli schieramenti. La Francia e la Russia si sono accordate per stare fianco a fianco. L'Italia e l'Austria si sono affrettate nel concludere un accordo analogo. La Polonia e la Germania si sono fatte gli occhi dolci, dimenticandosi per l'occasione [un'occasione unica] della disputa sul Corridoio Polacco.

    L'assassinio del re Alessandro di Jugoslavia ha complicato i problemi. La Jugoslavia e l'Ungheria, da tempo acerrime nemiche, stavano per saltarsi alla gola. E l'Italia pronta per intromettersi. Ma la Francia stava aspettando. E così la Cecoslovacchia. Tutti pronti per cominciare una guerra. Non i popoli - non quelli che combattono, pagano e muoiono - ma solo quelli che fomentano le guerre e poi se ne stanno comodi in casa facendo profitti.

    Oggi ci sono 40 milioni di uomini sotto le armi, e i nostri statisti e diplomatici hanno pure il coraggio di dire che non si sta attuando nessuna guerra.

    Siamo impazziti? E questi 40 milioni di uomi allora che cosa fanno? Si stanno addestrando per fare i ballerini?

    Certo non in Italia. Il premier Mussolini lo sa benissimo per che cosa si stanno addestrando. Lui, almeno, è abbastanza franco da dirlo. Solo l'altro giorno, il Duce, ne "Conciliazione Internazionale", una pubblicazione del Carnegie Endowment for International Peace [Donazione Carnegie per la Pace Internazionale, ndt], ha detto:

    "E soprattutto il Fascismo, che considera e osserva il futuro e lo sviluppo dell'umanità non legato alle considerazioni politiche del momento, non crede né alla possibilità né tanto meno all'utilità di una pace perpetua... Solo la guerra può portare al massimo della sua tensione l'umana energia, e lasciare il segno della nobiltà sui popoli che hanno il coraggio di abbracciarla".

    Herr Hitler, con il suo riarmo della Germania e le sue continue richieste per sempre più armi, è un'altra grande minaccia per la pace. E la Francia proprio recentemente ha aumentato la durata del servizio militare per la sua gioventù da un anno a diciotto mesi.

    Sì, dappertutto, le nazioni stanno preparando le loro armate. Le ostilità in Europa sono ormai a briglia sciolta. Ad oriente gli armamenti vengono organizzati più abilmente. Nel 1904, quando combattevano Russia e Giappone, siamo riusciti ad espellere la Russia appoggiando i giapponesi. Poi i nostri banchieri internazionali così generosi finanziarono il Giappone. Ora invece la propensione è quella di avere il dente avvelenato nei loro confronti. Che cosa significa per noi la politica delle "porte aperte" alla Cina? Il nostro commercio con la Cina è di circa 90 milioni di dollari all'anno. E le isole delle Filippine? Abbiamo speso circa 600 milioni di dollari nelle Filippine in 35 anni, e ora abbiamo da quelle parti (i nostri banchieri, industriali e speculatori) degli investimenti privati per poco meno di 200 milioni di dollari. Poi, per proteggere questo commerciodi $90.000.000 con la Cina o quello degli investimenti privati nelle Filippine di quasi $200.000.000, conciteranno nuovamente le masse portandole a odiare il Giappone e a muovergli guerra - una guerra che potrebbe benissimo costarci decine di milardi di dollari, centinaia di migliaia di vite americane, e altre centinaia di migliaia di uomini fisicamente e mentalmente menomati, irreparabilmente a pezzi.

    Naturalmente, per questa perdita ci sarebbe un profitto che compensa - qualcuno accumulerebbe delle grandi fortune. Milioni e miliardi di dollari a formare delle montagne. Per pochi. Per i trafficanti d'armi. Per i banchieri. Per i costruttori di navi. Per i produttori. Per l'industria della carne in scatola. Per gli speculatori. Loro ci mangerebbero sopra per bene.

    È così, si stanno preparando per un'altra guerra. Perché non dovrebbero? Otterrebbero degli alti dividendi.

    Ma che profitto rende agli uomini che vengono uccisi? Che profitto rende alle loro madri e alle loro sorelle, alle loro mogli e a chi li ama? Che profitto rende ai loro bambini?

    Chi mai ne trarrà dei profitti se non che quello sparuto gruppo di persone per cui la guerra significa solo un enorme profitto?

    Proprio così. E che profitto ne otterrà la nazione?

    Prendiamo il nostro caso. Fino al 1898 non possedevamo nessun territorio al di fuori della terraferma nordamericana. A quel tempo il nostro debito nazionale era poco più di un miliardo di dollari. Poi siamo diventati "internazionalmente aperti". Abbiamo dimenticato, o messo da parte, il consiglio del Padre del nostro paese. George Washington ci aveva messi in guardia sulle "alleanze imbriglianti". Siamo andati in guerra. Abbiamo acquisito dei territori esterni. Alla fine della Guerra Mondiale, come risultato diretto dei nostri giochetti con gli affari internazionali, il nostro debito nazionale aveva raggiunto i 25 miliardi di dollari. La bilancia commerciale positiva durante il periodo di 25 anni ammontava a 24 miliardi di dollari. Quindi, su una semplice base contabile, siamo pure tornati un po' indietro, anno dopo anno, e il commercio con l'estero poteva tornarci molto utile pure senza le guerre.

    Sarebbe stato molto più economico (e più sicuro), per lo statunitense medio che paga le bollette, starsene fuori da queste alleanze. Per una minoranza, questo racket, nella fattispecie il contrabbando e il racket della malavita, portano grossi profitti, ma il costo delle operazioni viene sempre trasferito al popolo - che di profitto non ne trae nemmeno un po'.

     



    [Mussolini e Hitler]

    Indice

  • 23/07/2006 La Guerra è un Racket Capitolo I
  • 23/07/2006 La Guerra è un Racket Capitolo II
  • 23/07/2006 La Guerra è un Racket Capitolo III
  • 23/07/2006 La Guerra è un Racket Capitolo IV
  • 23/07/2006 La Guerra è un Racket Capitolo V


  • Guerra Terrorismo
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Petrolio
  • Pagina 11 Settembre
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO