TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 30/06/2006 Evasione Fiscale : Norme di Contrasto Approvate in CdM (Elisa Mabrito, http://www.osservatoriosullalegalita.org)

    Ricerca personalizzata

    Il Consiglio dei ministri ha adottato oggi nuove norme contro l'evasione e l'elusione fiscale. Oltre all'adeguamento ad alcune disposizioni europee e pronunce della Cassazione, esse riguardano essenzialmente la modifica di meccanismi che lasciavano al contribuente un margine di 'manovra', potendo far incidere l'entrata o la perdita sul periodo piu' conveniente, oltre all'evasione correlata con lo sfruttamento del lavoro nero. Ecco le principali modifiche:

    1- L’ appaltatoresara' responsabile dei versamenti Iva e del versamento dei contributi del subappaltatore per lavori nell’edilizia. L’Austria ha già applicato norme di questo genere con risultati positivi nel contrasto dell’evasione fiscale, dell’evasione contributiva e del lavoro nero e con un aumento del gettito Iva pari all’1,5 per cento (in Italia equivarrebbe a oltre un miliardo e mezzo di euro).

    2- I professionisti avranno l'obbligo di tenere conti correnti dedicati per la gestione dell’attività professionale (cui far confluire i pagamenti dei clienti e da cui prelevare le somme occorrenti per le spese professionali); obbligo di incassare i compensi mediante bonifico, POS, carte credito, bollettino di pagamento postale tracciabile, eliminatazione della marca da bollo per le operazioni esenti IVA. Obbligo di trasferire per via telematica l’elenco clienti e fornitori: per il 2006, primo periodo di applicazione della nuova disposizione, i contribuenti sono obbligati a mettere nell’elenco clienti i soli titolari di partita IVA. A decorrere dall’anno d’imposta 2007, gli elenchi comprenderanno tutte le fatture emesse, sia nei confronti di titolari di partita IVA che dei consumatori finali; ad esclusione delle cessioni di beni e prestazioni di servizi certificate con scontrini fiscali o ricevute.

    3- I soggetti operanti nel settore commercio ci sara' l'obbligo di comunicare telematicamente all’Agenzia delle entrate, con cadenza settimanale o mensile, l’ammontare dei corrispettivi giornalieri conseguiti. La procedura è già disponibile in quanto realizzata per la grande distribuzione. Decorrenza: dal 1° gennaio 2007. Alla comunicazione telematica delle entrate, sara' eliminata la valenza fiscale dei registratori di cassa, come da tempo richiesto dagli stessi operatori del settore. Sanzione penale per il mancato versamento dell’IVA dovuta a seguito di dichiarazione e per la compensazione di Iva falsa.

    4- Per societa' a partecipazione italiana e' prevista l'inversione dell'onere della prova, cioe' salvo prova contraria, si considerano residenti nel territorio dello Stato le società che hanno sede in Italia, che sono controllate anche indirettamente, da soggetti residenti nel territorio dello Stato o che siano amministrate da un consiglio di amministrazione composto in prevalenza di consiglieri residenti nel territorio dello Stato.

    5- Accertamenti piu' facili, prevedendo che gli operatori finanziari (banche, Poste italiane Spa, intermediari finanziari, imprese di investimento, società di gestione, nonchè ogni altro operatore finanziario) comunichino periodicamente l’elenco dei soggetti con i quali intrattengono rapporti. Sono escluse solo le operazioni effettuate tramite bollettino di conto corrente postale per un importo unitario inferiore a 1.500 euro.

    6- Tutti i trasferimenti immobiliari saranno sottoposti ad imposta di registro e quindi esentati dal regime Iva, salvo i fabbricati ceduti dai costruttori ed ultimati da meno di 5 anni. Di conseguenza, l’unico atto sottoposto a Iva sarà la prima vendita dell’immobile ad opera del costruttore, salvo che non siano trascorsi cinque anni dall’ultimazione del fabbricato. L’Iva assolta a monte dalle società immobiliari non è più detraibile. In questo modo si evitano frodi e attività speculative indebite.

    7- Nei locali da ballo ove si svolge attività di intrattenimento o di spettacoli viene frequentemente utilizzata la formula dell’ingresso libero con consumazione “obbligatoria”. Questa formula consente di fatto di eludere l’aliquota del venti per cento applicabile sul prezzo dell’ingresso nei locali da ballo. Restano invece assoggettate all’aliquota del dieci per cento le consumazioni facoltative.

    8 - Si abrogano quei meccanismi di ammortamento di automezzi e terreni o tariffe agevolate sui terreni edificabili che sono stati usati in passato dalle imprese per sfruttare le migliori combinazioni di date o per far passare come autovetture normali auto di lusso.

    9- A seguito degli interventi della Corte di Cassazione si conferma per legge che il reddito degli immobili di interesse storico ed artistico è determinato mediante l’applicazione della minore tra le tariffe d’estimo previste per le abitazioni della zona censuaria nella quale è collocato il fabbricato, ma a condizione che l’immobile sia destinato ad abitazione dei proprietari e non a negozio, ufficio, magazzino, laboratorio, o altra attività. La norma riguarda anche l’Ici.

    10- IRES: si adottano vari aggiustamenti, come la disciplina dell’ammortamento del costo dei marchi, il credito d'imposta sul lavoro tassato all'estero, la tassazione integrale dei dividendi provenienti dai paesi a fiscalità privilegiata, il divieto di dare efficacia retroattiva all’operazione di fusione, la trasparenza delle srl a ristretta compagine sociale per coreggere la distorsione che permetteva ad una persona fisica di avere un regime di favore per il solo fatto di detenere la partecipazione non direttamente ma tramite una srl che opta per la trasparenza fiscale, etc.

    11- IRPEF Abrogazione dell'agevolazione ai fini dell’Irpef le somme corrisposte ai dipendenti per incentivarne l’esodo. Ciò anche per eliminare alcuni profili di incompatibilità con la normativa comunitaria già segnalati dalla Corte di Giustizia europea. Modifiche tendenti ad evitare fenomeni di pianificazione fiscale consistenti nel ridurre le partecipazioni detenute dal socio per poter accedere alla tassazione per trasparenza anziché al consolidato fiscale, riuscendo così a compensare le perdite pregresse maturate dallo stesso con i redditi delle partecipate, aggirando la legge.

    12- IVA Si riportano ad aliquota ordinaria alcuni beni ritenuti non più meritevoli di agevolazione con aliquota al 10 per cento. Tra i beni da lasciare al 10 per cento si segnalano, per esigenze di sistematicità, quelli relativi al settore dell’edilizia. Tra i beni che passano all’aliquota ordinaria vi sono, per esigenze di semplificazione e per evitare che per gli stessi prodotti valgano aliquote diverse a seconda della confezione, alcuni prodotti dolciari; i servizi telefonici resi attraverso servizi pubblici; i francobolli da collezione e le collezioni di francobolli. Infine si propone di lasciare l’aliquota del 10 per cento ai servizi di fornitura di calore-energia per uso domestico, derivante da l’utilizzo di fonti rinnovabili.

    13- Frodi: l’Agenzia delle Dogane potra' procedere alla acquisizione dei dati, ai documenti di trasporto, assicurazione, nolo, e ogni altro elemento destinato a formare il valore dichiarato per l’importazione, l’esportazione, l’introduzione in deposito doganale o Iva ed in transito. L’Agenzia applica le sanzioni amministrative previste qualora gli interpellati non ottemperino alla richiesta di informazioni da parte della stessa Agenzia.

  • Archivio Fisco
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO