TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 04/10/2005 Parmalat: ma di quale successo parliamo? Giovedi’6 ottobre verra’ quotata la nuova Parmalat (www.aduc.it)

  • Pagina Finanza
  • Pubblicità o Inganno
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Truffe
  • Ricerca personalizzata

    Giovedi’6 ottobre  prossimo verra’ quotata la nuova Parmalat. Un po’ tutti i politici parlano di una caso chiuso con successo.
    Maggioranza e opposizione, ovviamente, cercano di tirare l’acqua al proprio mulino. La maggioranza sostiene che il “successo” sarebbe dovuto alla legge che ha consentito l’amministrazione straordinaria della Parmalat (la stessa, lo ricordiamo, che ha previsto il meccanismo del “silenzio-assenso”) mentre l’opposizione, per bocca del suo leader Prodi sostiene che il successo e’ da addebitare a Bondi “nonostante l’assenza della legge sul risparmio”.
    Fin qui tutto normale. Il solito spettacolo poco edificante della politica italiana.

    Cio’ che proprio non si capisce e’ di quale successo vadano farneticando questi personaggi.
    A tre anni di distanza dal crack, il bilancio e’ il seguente:
    - I piccoli azionisti non rivedranno un euro
    - Gli obbligazionisti potranno recuperare una parte molto modesta del proprio credito in azioni della nuova Parmalat
    - I processi penali sono solo all’inizio e, viste la numerosissime parti in causa, si prospettano particolarmente lunghi
    - Anche la Class Action negli Stati Uniti, che l’Aduc aveva per prima appoggiato in Italia, sta avendo tempi molto lunghi e un iter poco trasparente
    - A seguito dell’approvazione del concordato le banche, cioe’ i principali co-artefici del crack, sono diventate i principali azionisti della nuova Parmalat.

    Sia ben chiaro. Non stiamo criticando il lavoro di Bondi. Il commissario ha fatto quel che ha potuto e – soprattutto – ha rispettato le priorita’ che gli erano state affidate (ovvero, la protezione del valore industriale del gruppo Parmalat). Il punto e’ che l’interesse dei risparmiatori, a parte le chiacchiere che sono state fatte in questi tre anni (e che si continuano a fare in questi giorni con proposte demagogiche ed elettoralistiche che non si realizzeranno mai), non sta a cuore al sistema politico.

    Cerchiamo di vedere la realta’ per quello che e’. I risparmiatori faranno bene a non aspettarsi niente ne’ dal sistema politico, ne’ – tantomeno- da quello finanziario. L’unico aspetto positivo della vicenda Parmalat, cosi’ come della altre vicende di risparmio tradito, e’ che molti risparmiatori hanno compreso che non devono fidarsi delle persone che gli propongono investimenti poiche’ queste sono in conflitto d’interessi (e molto spesso sono anche profondamente ignoranti in materia).

    I risparmiatori devono imparare a farsi in proprio una piccola cultura finanziaria (ad esempio leggendo libri, giornali e siti internet possibilmente i meno influenzabili dagli interessi dei grandi gruppi finanziari) ed a fidarsi solo di se stessi e/o di professionisti privi di conflitti d’interesse.


  • Pagina Finanza
  • Pubblicità o Inganno
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Truffe
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO