TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 14/02/2009 Bonus straordinario : i chiarimenti dell'avvocato (avv. Margherita Corriere, membro del Comitato tecnico-giuridico dell'Osservatorio, http://www.osservatoriosullalegalita.org)

    Ricerca personalizzata

    L'art. 1 del decreto legge 29 novembre 2008 n. 185 ha introdotto per l'anno 2009 il bonus straordinario in favore delle famiglie più disagiate economicamente. È bene fare alcune precisazioni, atteso che non a tutti i cittadini è chiaro chi possa usufruirne.

    La ratio di tale beneficio economico, previsto per il solo 2009, si basa sull'aiuto alle famiglie a basso reddito; l'importo del bonus è proporzionale alla composizione del nucleo familiare ed al reddito complessivo conseguito dai suoi componenti nel periodo d'imposta 2007 oppure, in alternativa, in quello 2008.

    Ricordiamo che fanno parte del cosiddetto nucleo familiare, oltre al richiedente il bonus, il coniuge non legalmente ed effettivamente separato, i figli -compresi i naturali e gli adottivi -, nonché gli affiliati e gli affidati ed, inoltre, tutte quelle altre persone indicate dall'art. 433 c.c. (genitori, ascendenti prossimi, generi e nuore, suoceri, fratelli e sorelle) che convivano con il richiedente o percepiscano assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell'autorità giudiziaria.

    Rammentiamo che, ai fini dell'entità del bonus, il familiare, per essere considerato " a carico " del richiedente deve possedere un reddito annuo complessivo non superiore ad euro 2.840,51 al lordo degli oneri deducibili. Il bonus, altresì, è concesso solo se il richiedente e gli altri componenti del nucleo familiare abbiano percepito redditi delle seguenti categorie:

    • redditi di lavoro dipendente ex art. 49 comma 1 TUIR;
    • redditi di pensione ext.art. 49 comma 2 TUIR;
    • compensi di soci di cooperative di produzione e lavoro;
    • redditi da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
    • compensi di lavoratori socialmente utili;
    • assegni periodici corrisposti al coniuge ex art. 10 comma 1 lettera c TUIR;
    • remunerazione dei sacerdoti.;
    • redditi derivanti da attività commerciali o da lavoro autonomo non esercitate abitualmente;
    • redditi fondiari di cui all'art. 25 TUIR che, con altre tipologie di reddito, non superino l'ammontare complessivo di euro 2.500,00.

    Come accennato sopra, il bonus varia nella sua entità a seconda della composizione del nucleo familiare e del reddito complessivo. Pertanto, per i soggetti unici componenti del nucleo familiare, con un reddito che non supera i quindicimila euro, il bonus ammonterà ad euro 200,00; in questo caso il bonus è erogabile solo se tra i redditi posseduti dal soggetto figuri un reddito di pensione.

    Il bonus sarà di 300,00 euro nel caso di nucleo familiare composto da 2 persone( il richiedente + 1 familiare a carico) con un reddito complessivo non superiore a 17.000,00 euro. Il bonus salirà a 400,00 euro se il nucleo familiare sarà composto da 3 persone ( richiedente + 2 familiari a carico ) ed il reddito complessivo sarà di euro 17.000,00.

    Ammonterà ad euro 500,00 nel caso di nucleo familiare composto da 4 persone con reddito complessivo non superiore a 20.000,00 euro. Il bonus sarà invece di euro 600,00 per i nuclei familiari di 5 componenti , con un reddito familiare complessivo non superiore ad euro 20.000,00, mentre salirà ad euro 1.000,00 per il nucleo familiare di oltre 5 componenti , con un reddito complessivo familiare di 22.000,00 euro.

    Orbene, a questo punto si è voluta introdurre una norma che prevede il bonus di 1.000,00 euro per quei nuclei familiari nei quali sia presente anche una persona diversamente abile, portatrice di handicap in situazione di gravità ex art. 3 comma 3° legge 104/1992: in questi casi il nucleo familiare non deve essere obligatoriamente di un tot determinato di componenti, ma è sufficiente che sia composto almeno da 2 persone, il richiedente ed 1 familiare a carico portatore di handicap grave.

    Il reddito familiare complessivo, in tale fattispecie, non può mai essere superiore a 35.000,00 euro. La richiesta del beneficio può essere effettuata, a seconda dei casi, in alternativa, o in relazione al 2007 oppure al 2008. La richiesta dell'erogazione del beneficio deve essere presentata al sostituto d'imposta o all'ente pensionistico:

    1- entro e non oltre il 28 febbraio 2009 se il bonus sia richiesto sulla base del numero dei componenti del nucleo familiare e del reddito familiare complessivo inerenti al periodo 2007,

    2- entro e non oltre il 31 marzo 2009 se il bonus sia richiesto sulla base del numero dei componenti del nucleo familiare e del reddito familiare complessivo relativi all'anno d'imposta 2008.



    http://www.osservatoriosullalegalita.org
    Copyleft dei testi citando l' autore e linkando la fonte

  • Archivio Famiglia
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO