TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 22/07/2006 La Teslamotors non svela i Suoi Segreti (http://etleboro.blogspot.com)

  • Pagina Energia
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Petrolio
  • Pagina Inquinamento
  • Ricerca personalizzata

    La Tesla Motors ha ufficializzato il 20 luglio il lancio della Tesla car, una berlina completamente elettrica con prestazioni da Formula Uno, senza alcuna emissione e una percorrenza di 250 miglia con una carica. Il suo essere completamente elettrica rompe la tradizione dei motori ibridi o a idrogeno, avendo una tecnologia innovativa se non addirittura rivoluzionaria che la pone in una posizione nettamente superiore alle altre auto che sfruttano un'energia eco-compatibile. Ciò che rende questa macchina affascinante è sicuramente il mistero che avvolge il suo meccanismo: cosa la fa muovere, ma soprattutto, da dove giunge una tale energia?
    La casa costruttrice, dopo un countdown di circa un mese per attendere il lancio di tale prototipo, ne mostra le principali caratteristiche tecniche, parlando solo in maniera vaga della tecnologia che la ispira. Ciò che traspare senz'ombra di dubbio è la sua unicità, più che la sua innovatività, essendo il primo progetto comparso in assoluto sul mercato, almeno il primo dal lontano 1930, anni in cui Tesla ha sperimento la vera e unica "Teslacar", alla quale deve il suo successo.

    Quello di Eberhard, ingegnere progettista della Tesla Motors, è un meccanismo composto da un motore di rame e un rotore di acciaio roteati da un campo magnetico. All'interno del rotore non vi sono pistoni, per cui schiacciando sull'acceleratore il motore parte istantaneamente: un computer di bordo controlla il sistema di trazione, tenendo la macchina ai massimi regimi per ottimizzare l'utilizzo dell'energia. La struttura motrice è composta da quattro parti principali, un gruppo di batterie, un motore, un sistema di trasmissione, e di un modulo potenziale elettrico. Ciò di cui Eberhard va molto fiero è un gruppo di batterie al litio, leggero, maneggevole e molto capace, dovendo fornire molta energia. Il motore, per mantenere la sua stabilità, ha poi bisogno di un circuito di raffreddamento liquido, per evitare che parte dell'energia durante la trasformazione, sia dissipata dal rilascio di calore. Inoltre è costruito con metalli che posseggono alte cariche magnetiche.

    Il meccanismo di trasmissione consente al computer ivi istallato di correggere le prestazioni delle macchine e la guida dell'utente. I circuiti all'interno del PEM esaminano le temperature, la tensione, la corrente e le combinazioni dei comandi, registrandoli in una specie di scatola nera. Com'è possibile notare nessun tipo di riferimento è stato fatto alla struttura del motore cilindrico che muove la macchina, il progetto evidentemente viene ancora mantenuto nel massimo riserbo. Ciò che accade al suo interno può essere ipotizzato, non è da escludersi che sia esso stesso un'applicazione del principio della Joecell che accumula energia, usando l'acqua come vettore e prendendola dall'etere, e la trasferisce in maniera superiore a quella immessa.Diversamente possiamo ipotizzare che la Roadster di Google trovi le sue origini più profonde, proprio nella macchina di Tesla. Era una Pierce Arrow, una macchina di lusso per l'epoca, che fu modificata per renderla adatta al suo esperimento. Il motore era stato rimosso e sostituito con un motore elettrico circolare completamente chiuso in un contenitore di 1 metro in lunghezza e 65 cm in diametro, con un ventilatore di raffreddamento . Poi è stato costruito un "ricevitore di energia gravitazionale", installato di fronte al cruscotto.
    Il convertitore conteneva 12 tubi di rame, da cui partiva un'antenna lunga 1.8 metri che prendeva energia dall'antenna principale istallata sul laboratorio di Tesla, accanto alle cascate del Niagara. Tesla era fermamente convinto, e lo dimostrò, che l'Energia poteva essere trasferita attraverso l'etere, che rappresenta così il canale ideale per alimentare a lunga distanza mezzi di trasporto e di comunicazione.
    La Tesla Motors non ha certo negato la paternità di tale scoperta a Tesla, facendone più che altro un omaggio allo scienziato più grande degli ultimi secoli dell'uomo, in occasione dei 150 anni dalla sua nascita. Ciò dimostra e lascia intendere che gli Illuminati di allora e i fautori del "free web" di oggi, ci hanno nascosto per più di settant'anni una verità, una conoscenza che ci appartiene in quanto Tesla non cedette mai le sue invenzioni a dei privati, è derubato per la loro profonda avidità e egoismo. Teniamo inoltre a ribadire e a sottolineare il fatto che tale evento è stato nascosto e occultato dai media, dalla stessa rete di Internet che hanno lasciato la ricerca delle informazioni soprattutto agli utenti più esperti. Allo stesso modo è stato dimenticato dalle testate dell'Europa l'anniversario della sua nascita, e il fatto che l'Unesco ha indetto il 2006 come anno di Nikola Tesla.
    La Teslacar è entrata nel nostro futuro, e a finanziarla, a costruirla sono stati gli stessi che intendono tenere le briglie del controllo delle informazioni, con internet e con i sistemi di comunicazione integrata, ossia i prossimi Palm : dalla nostra dipendenza più assoluta verso le tecnologie darà vita al loro potere più subdolo che possa esistere, perché è invisibile.


  • Pagina Energia
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Petrolio
  • Pagina Inquinamento
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO