TuttoTrading.it

12/05/2006 L' Etanolo assorbe più Energia di quella che produce (Marjorie Mazel Hecht, www.movisol.org)

  • Pagina Energia
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Petrolio
  • Pagina Inquinamento
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    La verità sull'etanolo, il meraviglioso carburante che si vorrebbe il sostituto della dipendenza degli USA dal “petrolio straniero”, è che occorre più energia per produrlo, di quanta il carburante di etanolo risultante possa fornire. Inoltre, per rimpiazzare il petrolio importato con l'etanolo, occorrerebbe coprire più della metà della superficie terrestre degli Stati Uniti con colture di mais o altre biomasse.

    Uno degli argomenti più forti contro l'uso dell'etanolo viene dal professor David Pimentel della Cornell University, un difensore di vecchia data della “bassa tecnologia”. Questi, insieme ad un suo collega, Tad W. Patzek, professore di ingegneria civile e ambientale, presso l'Università della California a Berkeley, ha condotto una dettagliata analisi sui rapporti tra input e guadagno di energia nella produzione di etanolo da mais, “switchgrass” (una specie di foraggio nativo del Nord America - ndr) e biomasse di legno. Le loro scoperte, pubblicate su Natural Resources Research (Vol. 14, No. 1, marzo 2005, pagg. 65-76), sono:

    o L'etanolo dal mais richiede il 29% in più di energia da carburante fossile rispetto al carburante prodotto;
    o L'etanolo da “switchgrass” richiede il 45% in più di energia da carburante fossile rispetto al carburante prodotto;
    o L'etanolo dalle biomasse di legno richiede il 57% in più di energia da carburante fossile rispetto al carburante prodotto.

    Pimentel e Patzek hanno considerato l'energia usata per produrre il mais, il che include la produzione di pesticidi e fertilizzanti, macchine agricole, irrigazione e trasporto, più l'energia necessaria per distillare l'etanolo.

    Come ha detto Pimentel al servizio stampa della Cornell University nel luglio 2005, “Non c'è proprio nessun beneficio nell'usare biomasse per il carburante liquido. Queste strategie non sono sostenibili...La produzione di etanolo richiede un largo uso di energia fossile, e perciò contribuisce all'importazione di petrolio e gas naturale e al deficit USA.”

    Pimentel ha calcolato che occorrono circa 131.000 BTU (Unità Termiche Britanniche) per fare un gallone di etanolo (circa 4 litri- ndr), ma un gallone di etanolo ha un valore energetico di sole 77.000 BTU, una perdita netta di 54.000 BTU per gallone.

    Pimentel e Patzek non hanno incluso nei loro calcoli il costo dei sussidi federali e statali che sono elargiti alle grandi aziende produttrici di energia da biomasse. Da notare che Pimentel sostiene l'uso di biomasse solo per il riscaldamento domestico e non per la produzione di carburante liquido.

    Non è tutto

    Ma non è tutto. Anche gli entusiasti della produzione di etanolo, come l'ex direttore della CIA James Woolsey, notano che il maggiore ostacolo alla sostituzione della benzina con l'etanolo è il suo “alto costo di produzione” e il fatto che richieda “ampi sussidi.” Woolsey ed altri puntano sulla nuova ricerca in ingegneria genetica che dovrebbe sviluppare speciali microbi per far fermentare il mais e le altre biomasse. Ma a Woosley e soci sfugge l'elefante dell'etanolo che siede in mezzo ai loro argomenti: l'uso del suolo.

    Il dottor Howard Hayden, professore emerito dell'università del Connecticut ed editore della newsletter The Energy Advocate, nota in un articolo sul numero di primavera 2006 della rivista 21st Century Science & Technology, che “per produrre etanolo per tanta energia quanta ne usiamo per i trasporti, richiederebbe 1,1 miliardi di acri dedicati alla produzione di mais ad alto rendimento, con tutte le cose che gli ambientalisti odiano: fertilizzanti, irrigazione, e pesticidi. Ciò equivale a circa 1,8 milioni di miglia quadrate, circa il 51% della superficie terrestre dei 50 stati.”

    Questo enorme utilizzo del suolo non preoccupa le molte aziende che sono intossicate dalla prospettiva dei sussidi governativi per distillare alcool come carburante. Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha annunciato ad aprile che un'azienda della Florida, la Progress Energy Florida, ha firmato un contratto venticinquennale per comprare energia da un impianto a “biomassa erbacea”da 130 megawatt nella Florida centrale, il quale riceverà un sussidio governativo per i prossimi dieci anni.

    In Georgia, un'altra azienda di energia alternativa, la Earth Resources, progetta un impianto energetico a escrementi di pollo (tecnologia per la quale è stata finanziata con un milione di dollari dal Ministero dell'Agricoltura USA). Altre compagnie stanno aprendo la strada all'uso di letame di vacca con sussidio governativo.

    In California, lo stato da lungo tempo leader in schemi energetici anti-economia-fisica, il Governatore Arnold Schwarzenegger ha firmato da poco un ordine esecutivo che stabilisce il traguardo di produrre il 20% dei 900 milioni di galloni di bio-carburante consumati in un anno nello stato all'interno dello stato stesso entro il 2010, arrivando al 40% entro il 2020 e al 75% per il 2050. L'ordine richiede inoltre che le biomasse forniscano il 20% dell'elettricità generata per andare incontro alle richieste di energia rinnovabile dello stato - un vero perdente di energia.

    Allo stesso tempo, gruppi ambientalisti della California citano un rapporto dell'Università della California che dimostra come l'uso di etanolo risulterebbe in una più alta concentrazione di inquinanti tossici nell'aria.

    L'odierna spinta verso l'etanolo deriva direttamente dalla controcultura, inflitta agli USA circa trent'anni fa, con la promozione di una società post-industriale e l'abbandono della scienza e della tecnologia. La realtà e l'economia fisica sono divenute irrilevanti e, come nella “Neolingua” del romanzo 1984 di Orwell, “più” è diventato “meno”. Da qui la popolarità dell'etanolo e il non-sviluppo di tecnologie avanzate (fissione e fusione nucleare) che possano fornire energia ad una società industriale.


  • Pagina Energia
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Petrolio
  • Pagina Inquinamento
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO