TuttoTrading.it

21/10/2008 ECONOMIA. Per l'Italia la crisi continua fino al 2010: nel 2009 Pil a -0,2%. Stime del FMI (GA, http://www.helpconsumatori.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attivitą creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

A confermare la gravitą della crisi economica č arrivato oggi il Fondo Monetario Internazionale con le sue ultime stime pubblicate nel Regional Economic Outlook, dedicato all'Europa. Secondo il FMI l'Italia non ha previsioni rosee almeno fino al 2010, anzi č molto facile che vada in recessione, con una crescita negativa del Pil: -0,1% nel 2008 e -0,2% nel 2009. Il problema principale, secondo Alessandro Leipold, direttore del dipartimento europeo dell'Fmi, č la "bassa produttivitą". "La politica degli aiuti di Stato che l'Italia intende intraprendere non č la giusta direzione"; bisognerebbe invece "procedere pił velocemente con le liberalizzazioni".

21/10/2008 ECONOMIA. Crisi economica, Draghi: "Calano i consumi delle famiglie" (GA, http://www.helpconsumatori.it)

Il Governatore della Banca d'Italia Mario Draghi in audizione al Senato evidenzia come la crisi economica colpisca le famiglie con un calo dei consumi. "Dopo il calo del Pil nel secondo trimestre i pił recenti indicatori confermano segnali negativi per i prossimi trimestri - ha detto oggi il Governatore in audizione al Senato - Calano i consumi delle famiglie sotto il peso dell'erosione del reddito disponibile, a causa dell'inflazione e dell'aumento del servizio al debito".

Per Draghi le ripercussioni della crisi vanno al di lą del sistema bancario e le banche hanno fronteggiato la crisi con un modello "fondamentalmente sano". "Le ripercussioni della crisi vanno ben al di lą del sistema bancario - ha detto il Governatore - Famiglie e imprese sono compite sia direttamente, per la perdita di valore dei titoli Lehman che esse detengono, sia indirettamente a causa delle prospettive di una restrizione del reddito conseguente alle tensioni finanziarie del momento". Per Draghi, "le banche italiane hanno fronteggiato la crisi che ha investito con crescente violenza il sistema finanziario mondiale a partire dall'estate del 2007 potendo contare su un modello di attivitą fondamentalmente sano".

http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Economia
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Societą Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO