TuttoTrading.it

15/04/2008 Oms: 115 milioni di persone hanno disturbi mentali legati all'abuso di alcool o droghe (http://droghe.aduc.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attivitą creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Oltre 150 milioni di persone al mondo soffrono di depressione, 50 milioni di epilessia, 25 milioni di schizofrenia, 24 milioni di Alzheimer, mentre oltre 115 milioni hanno disturbi mentali legati all'abuso di alcol o droghe. Ogni anno quasi un milione di persone si toglie la vita per problemi legati a disabilita' mentali, una stima al ribasso dal momento che mancano i dati relativi alla quasi totalita' dell'Africa e a numerosi paesi tra Medio Oriente e Sud-est asiatico. E' partita da numeri e percentuali la relazione che Benedetto Saraceno, direttore del dipartimento di Salute mentale dell'Organizzazione Mondiale della Salute (OMS), ha presentato oggi a Rimini in occasione dell'apertura del meeting internazionale 'Rafforzare i sistemi di salute mentale nei paesi a basso e medio reddito'. Organizzato dall'associazione riminese Cittadinanza in collaborazione con l'OMS, con il contributo della Regione Emilia-Romagna e con il patrocinio di Ministero della Salute e di Comune e Provincia di Rimini. fino a venerdi' 18 aprile il meeting mettera' a confronto le autorita' di 15 paesi a basso reddito - dall'Albania all'Uganda, dal Bangladesh alla Giamaica - e i referenti di agenzie sanitarie e ong nazionali e internazionali, con l'obiettivo di facilitare lo scambio di conoscenze e buone pratiche, individuare gli strumenti necessari per sviluppare i sistemi nazionali di salute mentale ed estendere le cure ai 400 milioni di persone con disturbi psichici che non hanno accesso a servizi sanitari e spesso vivono nell'isolamento. 'Esiste una relazione fra poverta' e salute mentale - ha spiegato Saraceno analizzando i dati sulla diffusione dei disturbi mentali -. La poverta' puo' essere un fattore scatenante o un fattore di rischio per la depressione, il suicidio, l'abuso di alcool e sostanze illecite, il ritardo mentale. Per altre patologie la poverta' contribuisce al peggioramento delle condizioni, come succede con la schizofrenia'.

Nel mondo solo il 9% dei 450 milioni di persone con disturbi mentali riceve cure adeguate. Il restante 91% vive in gran parte nei paesi poveri. Qui alla salute mentale e' riservato tra l'1,54% e il 2,78% del totale del budget sanitario (contro il 6,89% dei paesi ad alto reddito), psichiatri e infermieri specializzati spesso sono solo uno ogni 100.000 abitanti e oltre l'85% dei malati con gravi patologie non riceve alcun tipo di cura.
'Le risorse per la salute mentale globale sono scarse, distribuite iniquamente e utilizzate in maniera inefficiente - ha continuato Saraceno - Nei paesi a basso e medio reddito la situazione e' poi peggiore perche' poverta', scarse risorse umane disponibili, mancanza di servizi, ma anche stigma e discriminazione impediscono la presa di coscienza della dimensione del problema e la conseguente realizzazione di sistemi di cura adeguati'.
Dopo l'analisi dettagliata del fenomeno, Benedetto Saraceno e' passato alla presentazione del programma 'MhGAP' (Mental health Global Action Programme), elaborato dall'OMS per aumentare l'attenzione dei governi verso le malattie mentali e i disturbi correlati ad alcol e droghe.
'Ridurre il numero delle persone con disturbi mentali non curati si puo' - ha aggiunto Saraceno -. Bisogna aumentare la consapevolezza dei governi che devono investire di piu' in salute mentale. Bisogna formare piu' operatori sanitari nella gestione dei problemi psichiatrici. Bisogna educare le comunita' a una maggiore tolleranza e una minore discriminazione. E bisogna spostare l'asse degli interventi dai tradizionali ospedali psichiatrici ai servizi comunitari'.
Ma e' possibile realizzare un sistema globale di salute mentale? 'L'OMS si e' posta tre obiettivi prioritari. Innanzitutto promuovere ed estendere la tutela dei diritti dei malati psichiatrici. Quindi sensibilizzare i governi e impegnarci insieme alle autorita' sanitarie nazionali, alle agenzie internazionali, alle ong e alla societa' civile per realizzare un'organizzazione dei servizi non centrata sull'ospedale ma diffusa sul territorio.
Infine promuovere globalmente una politica seria per ridurre l'abuso di alcol, che causa disturbi mentali e disastrosi effetti sociali'.

http://www.aduc.it

  • Archivio Droga
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Societą Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO