TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 06/09/2007 Rimini. Indagine giovani: sulla droga, la tv piu' "istruttiva" degli amici (www.aduc.it)

    Ricerca personalizzata

    Il 46% dei giovani studenti di Rimini e Riccione -un campione di 1.181 persone- deve la sua conoscenza della droghe alla televisione. Al secondo posto e' collocato il gruppo degli amici, 31,5% delle risposte. Le agenzie educative non sembrano invece essere fonte d'informazione o luogo di discussione su questo tema. E in famiglia parla di droga solo il 9% dei ragazzi ed a scuola dichiara di averlo fatto appena l'8% degli intervistati. E' quanto emerge da una indagine prevista da un progetto del Ministero della P.I. e condotta nel riminese con la collaborazione della comunita' di San Patrignano e l'Universita' di Urbino, attraverso la distribuzione di due questionari. Risulta, dunque, che 900 ragazzi su 1181 non trovano in casa o a scuola informazione sulla droga.
    Interessante il confronto con un'analoga domanda posta a 2718 studenti di Emilia Romagna, Marche e Umbria, durante una ricerca realizzata da San Patrignano insieme all'Universita' di Pavia nell'anno scolastico 2002/2003. All'epoca parlavano di droga con genitori e insegnanti, rispettivamente il 19 e il 22% del campione. Eppure i ragazzi del riminese vorrebbero piu' informazioni. Nel 47,5% dei casi da persone che ne sono uscite, il 22,5% da un medico. Le domande sugli stili di vita si sono rivelate "scomode" per i ragazzi. Molti non rispondono quando gli viene chiesto se conoscono qualcuno che si droga, ben il 14% del campione non risponde. Nonostante questo, il 35,5% di loro conosce qualcuno che usa marijuana/hashish e ben il 23% cocaina, percentuale addirittura maggiore del 7,5% rispetto a chi dichiara di conoscere chi fa uso di ecstasy. Inoltre, il 15,5% dichiara che continuerebbe a frequentare un gruppo di amici dove la ricerca dello sballo e' diventata un'abitudine e il 19% non lo sa, collocandosi in un'area a evidente rischio disagio e droga. Ma il dato piu' grave e' che il 31,5% (dato ottenuto aggregando le risposte "si', senza problemi" e "si', se ti organizzi bene") dichiara che l'abitudine allo sballo del sabato sera si concilia con gli impegni e le responsabilita' del quotidiano e il 25,5% non lo sa. Insomma, per 649 ragazzi drogarsi e' pratica possibile o su cui non si ha un'opinione.
    Per di piu', l'8,5% sostiene di bere alcolici piu' di tre volte la settimana, il 62,5% di farlo meno di tre volte e l'8% dichiara di prendere tranquillanti/sonniferi o sostanze per migliorare le prestazioni sportive. Tra i ragazzi il concetto di droga si associa a quello di dipendenza o di stupefacenti "pesanti". Per il 38%, 390 studenti, sono droghe "quelle che danno dipendenza", per il 30%, 311 persone, lo sono "eroina e cocaina". Solo il 26% risponde "tutte le sostanze che ti alterano, anche l'alcol". Modifica della percezione di se e della realta', non sono quindi considerati parametri sufficiente per definire droga una sostanza. "Fughe da fermi" uno spettacolo sui danni della droga, realizzato da San Patrignano nell'ambito di "Drugs Off", marchio slogan che caratterizza tutte le attivita' di educazione-prevenzione svolte dalla comunita',. e' stato lo strumento utilizzato per intervenire sulla percezione del fenomeno droga, raccolta con il primo questionario. La comparazione con i dati raccolti nel secondo ne conferma l'efficacia. Le informazioni offerte dal format sono considerate valide dal 48% dei ragazzi. E nel confronto con gli altri luoghi dell'informazione (Tv, amici, scuola, famiglia) e' quello con il minore gap tra "informazioni incomplete/allarmistiche" e "valide": 4%. Mentre dopo avere assistito allo spettacolo aumenta del 6% la percentuale di chi non frequenterebbe una compagnia dove ci si droga, cosi' come sale del 9% quella di chi non considera normale lo sballo del sabato sera. Nel contempo, diminuisce del 3% la percentuale di chi continuerebbe a frequentare un gruppo dove ci si droga e del 2% il numero di chi non sa o non risponde. Infine, diminuisce del 3% il numero di chi risponde "puoi sballare se ti organizzi bene" e ben del 9%.

     "Queste statistiche dimostrano come la figura del tossicodipendente stia cambiando. I giovani ospiti di San Patrignano non si sentono tossicodipendenti, poiche' per loro l'idea di 'tossico' e' quella di chi si buca. Ma per questo motivo prendono sottogamba le nuove droghe". E' questo il problema nuovo, che Andrea Muccioli, leader di Sanpa, fa emergere in una dichiarazione, commentando i dati dell'indagine riminese su giovani e droghe. "Meta' dei nuovi ospiti che ogni anno arrivano a Sanpa hanno queste caratteristiche. Cosi' sta cambiando il mondo della droga e dei giovani. Con la sottovalutazione delle droghe pesanti che non si assumono con l'uso di siringhe".
    A Muccioli si aggiungono gli esperti. "Da questa ricerca emerge che sono tanti i ragazzi a forte rischio di disagio sociale e di emarginazione, e quindi potenziali vittime della droga": e' preoccupato il professor Giorgio Manfre', docente di Sociologia all'universita' di Urbino, che ha curato la ricerca riminese sui giovani e gli stupefacenti. "Oltre la meta' dei ragazzi che hanno risposto al questionario e' esposto al rischio- aggiunge Manfre'-. Oggi il disagio non solo e' diffuso ma tende ad una progressiva normalizzazione. Gli sviluppi delle nuove droghe tendono a pregiudicare sempre meno la competenza comunicativa di chi le assume quindi vengono ritenute come una sorta di mediatore estremo quando il rapporto tra individuo e societa', tra emozioni e cognizione non funziona".
    Quanto alla divisione tra droghe leggere e pesanti, secondo Manfre' "e' propedeutica ad aprire la strada ad una poliassunzione che puo' essere molto pericolosa per i giovani". Infine il responsabile medico-scientifico di Sanpa, Giampaolo Brusini, spiega che assistere ad uno spettacolo come "Fughe da fermi" puo' aiutare ad avere un atteggiamento diverso, piu' critico, verso la droga: "E' come se il pubblico, e cioe' i ragazzi, stesse guardando un film nel quale scorre il primo tempo della sua vita. Poi il ragazzo, ospite di San Patrignano, dal palco racconta come sara' il secondo tempo se si prenderanno decisioni che portano sulla strada della droga". E non e' una bella prospettiva.

  • Archivio Droga
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO