TuttoTrading.it

25/02/2007 Al via sperimentazione vaccino anticocaina (www.aduc.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Tossicodipendenti e inglesi potrebbero essere le 'cavie' per la messa a punto di un vaccino anti-cocaina . Lo ha annunciato Jose Perez de los Cobos, presidente della Società Spagnola della Tossicodipendenza (Set), durante l'inaugurazione del XII Congresso della Set e del II Forum Iberoamericano dei Disturbi da Assuefazione.
La possibilità, ancora "in fase di studio", ha precisato Perez de los Cobos, si deve alla considerazione dell'ingente quantità di cocaina consumata nei due paesi, che sono in testa alla classifica del consumo dello stupefacente. Tuttavia sono stati realizzati solo i "primi contatti" per l'inizio della sperimentazione.

In pratica, il 'vaccino' allo studio funzionerebbe annullando gli effetti eccitanti della cocaina e impedendo così al tossicodipendente di provare la sensazione di appagamento proporzionata dallo stupefacente. Anche se il solo versante farmacologico non è sufficiente: la cura si deve completare con un appoggio psicologico che aiuti il soggetto a non desistere nella lotta alla dipendenza.

Il vaccino agisce assorbendo le micromolecole di cocaina prima che raggiungano il cervello. Infatti, nonostante si pratichino differenti metodi di assunzione (Fumata, sniffata, ecc.), il 'trasporto' della droga al cervello avviene sempre attraverso il sangue. E, proprio come nei vaccini classici, il metodo funzionerebbe grazie alla somministrazione di una molecola simile a quella della cocaina, ma manipolata in maniera da favorire la formazione di anticorpi che impediscano il superamento della barriera emoencefalica.

La cura, ha spiegato il presidente della Set, non avrebbe carattere preventivo, ma priverebbe i consumatori dell'effetto piacevole derivante dallo stupefacente. Uno strumento apparentemente efficace per contrastare il vertiginoso aumento del consumo di cocaina registrato negli ultimi anni.

  • Archivio Droga
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO