TuttoTrading.it

26/09/2006 Bari. Arrestato Proprietario di uno Smart Shop per Suicidio di un Cliente (www.aduc.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attivitą creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Il titolare di uno "smart shop" di Bari e' stato arrestato dalla Squadra Mobile a seguito della morte per suicidio di uno studente universitario. Secondo quanto accertato dalla polizia, nell'esercizio commerciale erano venduti semi e sostanze particolari, assunte da giovani per provare l'effetto "sballo". Lo studente avrebbe ingerito dei semi di "Argyreia nervosa", piu' nota come "rosa hawaiana", che conterrebbero l'amide dell'acido lisergico (Lsa). Nel negozio del commerciante, Sandro Barbieri, di 42 anni, torinese, venivano vendute anche altre sostanze che se assunte in maniera impropria possono produrre effetti stupefacenti. A seguito degli esami di laboratorio eseguiti dalla Polizia Scientifica della Direzione Centrale Anticrimine di Roma, il gip del Tribunale di Bari Giuseppe De Benedectis ha disposto il sequestro in tutto il territorio nazionale dei semi di "Argyreia nervosa".

E il Codacons interviene sul caso. In Italia -afferma il Codacons- si contano oltre cinquanta smart-shop nelle varie citta', che attirano una clientela formata soprattutto da studenti universitari e liberi professionisti tra i 30 e i 40 anni. Questi negozi dovrebbero vendere prodotti legali e di origine naturale, simili a quelli che si trovano in erboristeria o in farmacia. Dopo la vicenda di Bari il Codacons chiede ai Nas di intervenire effettuando controlli a tappeto in tutti gli smart-shop presenti in Italia, al fine di individuare e ritirare dal commercio quelle sostanze e quei prodotti che, seppur di origine naturale, rappresentano un pericolo per la salute umana, in quanto presentano proprieta' allucinogene o stupefacenti in grado di mettere a repentaglio l'incolumita' di chi le assume.

27/09/2006 Monacelli (Udc) al Governo: chiudere gli 'Smart Shop'(www.aduc.it)

"Nei prossimi giorni presentero' una interrogazione parlamentare nella quale chiedero' se il Governo non ritenga opportuno adottare dei provvedimenti normativi per far chiudere gli esercizi commerciali denominati 'Smartshop'". Lo dice la senatrice dell'Udc, Sandra Monacelli. "Da alcuni anni erano fonte di polemiche ma oggi dopo la morte del ragazzo di Bari dobbiamo dire una parola chiara, lo Stato non puo' infatti tollerare esercizi commerciali di 'favoreggiamento della cultura dello sballo totale e irresponsabile'. L'obiezione di chi dice che gli stessi prodotti potrebbero essere acquistati via internet e' un obiezione assurda infatti oggi in internet si puo' acquistare di tutto anche strumenti peggiori ma non per questo uno Stato democratico che ha a cuore il buon ordinamento sociale e il futuro delle giovani generazioni puo' far finta di non vedere o peggio ancora rendere tutto legale e tutto accessibile

http://www.aduc.it

  • Archivio Droga
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Societą Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO