TuttoTrading.it

17/02/2006 Morire d' Overdose, almeno in 100 mila nel 2005 (www.aduc.it)

  • Pagina Droga
  • Vita Morte
  • Protezione Salute
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attività creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    La Russia è alle prese con una nuova piaga sociale che ha rapidamente soppiantato l'alcolismo come prima causa di morte precoce: nel 2005 almeno 100.000 persone, per lo più ragazzi e ragazze sotto i 24 anni, sono morti per overdose da narcotici o per essersi iniettati sostanze mal tagliate. Una statistica "orribile" per il capo del Servizio federale antidroga, Vladimir Zubrin: soprattutto tenendo conto del fatto che solo un anno prima, nel 2004, i morti erano stati in tutto circa 70.000, e che nell'ultimo decennio il numero dei tossicodipendenti è cresciuto in maniera esponenziale e costante.
    "Quelli ufficialmente schedati -afferma Zubrin- sono poco più di mezzo milione. Ma noi riteniamo che la stima più realistica sia fra i cinque e i sei milioni di giovani".
    Fino alla fine degli anni '70 e all'invasione sovietica in Afghanistan, durata fino al 1989, il consumo di droga era un fenomeno praticamente sconosciuto in Russia: prodromi ne furono il ritorno dei reduci, e soprattutto la scoperta da parte dei narcotrafficanti di una via relativamente sicura per i ricchi mercati occidentali, attraverso una Urss ormai prossima al crollo. Quella via è oggi più frequentata che mai dai contrabbandieri di eroina, soprattutto da quando le guardie di frontiera russe hanno abbandonato nel giugno scorso le loro postazioni al confine fra Tagikistan e Afghanistan, entrambi produttori di papavero da oppio.
    Con il libero mercato la Russia si è trasformata da Paese di transito a ricco mercato per i narcotrafficanti. Le zone più colpite sono i grandi centri industriali degli Urali, come Iekaterinburg, dove non sono infrequenti le stragi dovute a partite di droga troppo pure o tagliate con sostanze tossiche. L'ultimo episodio, circa tre mesi fa, ha provocato una decina di morti in quattro-cinque giorni. Nella disastrata provincia, la diffusione del numero di tossicodipendenti è incoraggiata dai prezzi relativamente molto bassi dell' eroina: fra i 1.000 e i 1.500 rubli al grammo (fra i 30 e i 45 euro) contro gli oltre 4.000 rubli della capitale. Si tratta comunque di cifre non alla portata di tutti: e come le morti per overdose, anche la microcriminalità legata alla droga é in vertiginoso aumento.
    "Negli ultimi dieci anni -sottolinea Zubrin- i crimini correlati agli stupefacenti sono aumentati di 15 volte". Il governo cerca di correre ai ripari: spende già un miliardo di rubli (circa 30 milioni di euro) per il sostegno sanitario ai tossicodipendenti, e per il 2006 ha stanziato altri 3 miliardi di rubli per una campagna antidroga in tv e sui giornali. L'esecutivo si è dato l'ambizioso obiettivo di ridurre del 20% entro il 2012 il consumo di droga. Nel Paese sono già operativi diversi centri di recupero, che ricorrono a tecniche anche controverse come ipnosi e terapie di "lavaggio del cervello". Molti esperti però sono scettici: la Russia, obiettano, non é mai riuscita a vincere la battaglia contro l'alcolismo, e quello dei narcotici è un fenomeno ben più aggressivo e pericoloso, dato che colpisce soprattutto i giovani. E a Mosca ogni notte arriva puntuale alle 03:00, dopo quattro giorni di viaggio attraverso tutto il Paese, il treno Dushanbé- Mosca, ormai ribattezzato l' "Espresso della droga": "Per quanto possiamo frugare da cima a fondo -afferma un poliziotto che chiede l'anonimato all'agenzia Ansa- becchiamo solo qualche pesce piccolo ogni tanto". Quelli grossi, lascia intendere, sanno come ungere le ruote del convoglio.


  • Pagina Droga
  • Vita Morte
  • Protezione Salute
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO