TuttoTrading.it

23/05/2005 Giornata della Marijuana, meno Partecipazione, per quale Ragione? (Walter Fanganiello Maierovitch, www.aduc.it)

  • Pagina Droga
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Sanitą
  • Pagina Farmacologia
  • Ricerca personalizzata
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Articoli da regalo
    Attivitą creative
    Bambole e accessori
    Bestseller generali
    Burattini e tetrini
    Calendari dell' avvento
    Collezionabili
    Costruzioni
    Elettronica per bambini
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Elettronica per bambini
    GIOCHI GIOCATTOLI
    Giocattoli da collezione
    Giocattoli prima infanzia
    Giochi di imitazione
    Giochi da tavola
    Giochi educativi
    Modellismi
    Peluche
    Personaggi Giocattolo
    Puzzle
    Sport Giochi Aperto
    Strumenti Musicali
    Veicoli

    Da cinque anni, e in diverse citta' del pianeta, si tengono nel mese di maggio delle manifestazioni per richiamare l'attenzione sulle politiche internazionali, nazionali o locali, che coinvolgono la cannabis.
    L'obbiettivo iniziale di questi incontri mondiali consisteva nel fare pressioni sulle autorita' per ottenere la liberalizzazione del consumo della marijuana per finalita' ludica, ricreativa, in maniera da cambiare cio' che e' stabilito nelle convenzioni delle Nazioni Unite e nelle leggi nazionali.
    In questo mese di maggio, nei giorni 7 e 8, la Giornata Mondiale della Cannabis ha coinvolto circa 200 citta', mentre si aspettavano manifestazioni in 400. La Giornata non ha avuto la forza partecipativa di altri tempi e ha fatto poco notizia. Per esempio a San Paolo, nella Camara Municipal erano presenti poco piu' di 50 persone.
    Il comitato organizzatore internazionale aveva lasciato il programma aperto, ma aveva insistito nel porre l'accento su tre punti basilari: accesso immediato alla marijuana per finalita' terapeutica, fine delle persecuzioni della polizia per i consumatori e permesso a coltivare a domicilio la marijuana.
    Quale sarebbe stato il motivo del raffreddamento del movimento nella sua quinta edizione?
    La risposta non e' difficile. Molti Paesi, ad eccezione degli Usa e della Francia nel Primo Mondo, sono evoluti razionalmente. Mentre gli adepti dell'allarmismo e della satanizzazione, come i governi brasiliani fin dalla dittatura militare, sono restati indietro e le loro posizioni convincono solo i fondamentalisti della War on Drugs. Entusiasmano solo coloro che continuano a ritenere possibile una societa' senza droghe e che chiedono il carcere per il consumatore: la France sans drogue, del ministro della Giustizia Dominique Perben.
    Nonostante gli sforzi fatti nella direzione contraria dal presidente George W. Bush e dal suo zar antidroghe John Walthers, l'uso terapeutico della marijuana negli Usa e' permesso in 11 Stati: Alaska, Colorado, Hawaii, Maine, Montana, Nevada, Oregon, Vermont, Arizona, California e Washington.
    Nel 2004, il Governo olandese ha autorizzato la vendita della marijuana nelle farmacie, per infusioni e dietro ricetta medica. Il Governo canadese la coltiva e la fornisce ai pazienti, con un principio attivo basso.
    Sperimentalmente quest'anno dieci farmacie e tre ospedali di Barcelona, in Spagna, sono state autorizzate a vendere pasticche di marijuana, dietro prescrizione medica. Nella confezione compare la raccomandazione di non fumarla, visto che i rischi di cancro al polmone e alla bocca sono simili a quelli delle sigarette di tabacco.
    Il Parlamento di Berlino, nel mese di aprile, ha approvato una legge per permettere il possesso e l'acquisto di 10 grammi di marijuana. E l'Olanda ha legalizzato, dal 28 novembre del 1968, la vendita di mezzo chilo di marijuana per consumo interno nei caffe'. L'obbiettivo era quello di separare il consumatore dal trafficante.
    Da un anno, la Gran Bretagna ha declassificato la marijuana nella tabella C, quella riservata alle cosiddette droghe leggere. L'iniziativa e' stata sostenuta dall'associazione britannica della polizia, che aveva percepito come la tendenza degli agenti era di perseguire i consumatori di marijuana e lasciare in pace i trafficanti.
    L'Olanda discute sul rifornimento governativo della marijuana per l'utilizzo medico-terapeutico. Per questo, in ciascuna abitazione, e' autorizzata la piantagione e coltivazione fino a cinque piante di marijuana.
    Il Brasile continua a criminalizzare il possesso di droghe per consumo personale. E l'ultimo presidente della Camera dei Deputati ha ritenuto, in maniera non lungimirante, un passo in avanti l'approvazione di un progetto legislativo, gia' rimandato al Senato, che non impone piu' la pena carceraria per i consumatori, ma continua nella criminalizzazione. Chi verra' condannato per possesso di droga per uso personale avra' come pena un trattamento sanitario obbligatorio, ma potra', in maniera ridicola, venire processato per il reato di disobbedienza, e finire quindi in carcere, in caso di abbandono della terapia.
    Come avviene annualmente, la reazione della Casa Bianca alla Giornata Mondiale della Cannabis e' di demonizzazione. Lo zar di Bush ha detto che l'uso della marijuana non e' cosi' innocente: puo' portare alla schizofrenia. Ma Bush e Walthers scommettono tutto su una decisione della Corte Suprema attesa per il mese di giugno sul caso di Angel Raich.
    Angel ha un tumore al cervello. Ha provato un centinaio di cure prime di ricorrere alla marijuana, utilizzata come sigaretta. Angel dice, con il sostegno medico, che si tratta dell'unica terapia che e' riuscita ad eliminare i terribili mal di testa. E inoltre sottolinea come nel suo Stato (la California) la legge ammette l'uso terapeutico della sostanza.
    La polizia federale nordamericana (FBI) ha fatto una irruzione in casa sua, lo ha arrestato per flagranza di reato e ha sequestrato la marijuana trovata. Per questo si e' basata sulla legge federale senza considerare quella statale.
    Per Bush, la legge statale non puo' modificare la proibizione contenuta in quella federale. Di conseguenza e' arrivato il ricorso alla Corte Suprema, il cui pronunciamento, per il caso Angel e' atteso per giugno.


  • Pagina Droga
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Sanitą
  • Pagina Farmacologia
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Societą Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO