TuttoTrading.it

01/12/2006 01/12/2006 Qual è il vero piano della psichiatria (Jan Eastgate - PSICHIATRIA, www.disinformazione.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Che cos'ha fatto la psichiatria per venire etichettata "Un'industria di morte"?
Troverai la risposta in queste pagine e nel documentario: “Psichiatria: un'industria di morte”. E una risposta che racchiude duecento anni di storia della psichiatria ed il grave impatto che ha avuto sulla società odierna. Poco è cambiato dall'inizio, quando gli psichiatri incatenavano, frustavano, facevano patire la fame e torturavano i loro pazienti. Allora, come ora, la meta era rendere docile l'individuo, non la cura della pazzia. I trattamenti brutali che la psichiatria ha creato e che tuttora usa (elettroshock, psicochirurgia e psicofarmaci) ne sono la prova. Quando la psichiatria è uscita dagli ospedali psichiatrici per diffondersi nella società, i risultati sono stati davvero disastrosi. La moderna psichiatria è motivata dalla missione di "andare dietro ai soldi", per citare le parole dell'attuale presidente dell'Associazione Psichiatrica Americana; sei così testimone di un'industria corrotta, motivata dal profitto, che lascia dietro di sé morte e distruzione.

Parole dure, ma basate su fatti nudi e crudi. Fatti che devi conoscere. Considera che:

- La psichiatria monopolizza la salute mentale internazionale ed ogni anno richiede migliaia di miliardi di dollari dai governi per i suoi servizi.

- Le assicurazioni, solo negli Stati Uniti, pagano 69 miliardi di dollari all'anno per la salute mentale.

- I costi per i servizi psichiatrici superano quelli della medicina di quasi il 200%.

- Il totale delle vendite di psicofarmaci nel mondo è nell'ordine di 76 miliardi di dollari l'anno. E cosa stanno ottenendo i governi e le società in cambio?

- Gli psichiatri hanno ammesso che non hanno la cura per un singolo disturbo mentale.

- Non sanno l'effetto dei trattamenti sui pazient7

- In base ad uno studio fatto sui pazienti ricoverati, i trattamenti psichiatrici hanno un tasso di fallimento pari al 99%.

- Negli ultimi 40 anni il numero dei morti per trattamenti psichiatrici è stato quasi il doppio degli americani uccisi durante tutte le guerre combattute dal 1776 ad oggi dagli Stati Uniti.

- Più di 20 milioni di bambini in tutto il mondo fanno uso di psicofarmaci che causano violenza, psicosi, allucinazioni, omicidi, colpi apoplettici, diabete, attacchi cardiaci e morte per presunti disordini la cui esistenza non è mai stata provata scientificamente.

- Gli antidepressivi, "medicine miracolose", sono così largamente prescritti che più di 150 milioni di persone in tutto il mondo hanno assunto farmaci SSRI (Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina).

- Questi farmaci sono sotto osservazione dalle agenzie del farmaco in tutto il mondo perché possono generare violenza e impulsi suicidi in chi li assume.

- In America il numero di persone di 65 anni sottoposte ad elettroshock è superiore di tre volte

- mezzo a quelli di 64 anni. Perché? Perché l'assicurazione statale sulla salute è disponibile all'età di 65 anni.

- Nel 2005, la Food and Drug Administration (FDA) ha reso noti i gravi danni dell'elettroshock (pazienti con gravi bruciature, donne che hanno abortito e addirittura morte).

- Mentre quasi metà degli anziani che ha ricevuto ECT è morta nell'arco di due anni, l'ECT sta continuando a venir praticato in tutto il mondo, uccidendo qualcosa come 10.000 persone. Più di due terzi delle vittime sono donne.

Se la psichiatria è così distruttiva come ha fatto ad integrarsi in questo modo nella società?
Nel 1940 lo psichiatra inglese John Rawling Rees, il cofondatore della World Federation for Mental Health (WFMH), durante una riunione del Consiglio Nazionale dell'Igiene Mentale del Regno Unito disse: "La vita pubblica, la politica e l'industria dovrebbero essere sotto la sfera d'influenza [della psichiatria]... abbiamo sferrato un attacco ad alcune professioni. Le due più facili più facili, naturalmente, sono l'insegnamento e la Chiesa ; le due più difficili sono la legge e la medicina...."

Nel 1945, un momento di grande scompiglio, incertezza e sgomento, lo psichiatra canadese e cofondatore del WFMH, G. Brock Chisholm, dichiarò: “Per arrivare a governare il mondo bisogna rimuovere dalle menti l'individualismo, il rispetto delle tradizioni familiari, il patriottismo nazionale e i suoi dogmi religiosi".
Queste parole, i progetti distruttivi di Chisholm, Rees e della WFMH, sono state le solide fondamenta della moderna psichiatria.
A dispetto di migliaia di miliardi di dollari investiti nelle sue ricerche per la cura della malattia mentale, la psichiatria non cura né migliora niente. Al contrario, gli psichiatri rovinano la vita e minano la società con grandi costi. Qualcosa può e deve essere fatto in merito a questa professione. Solo passando all'azione possiamo sperare di creare un futuro più luminoso per la società ed i nostri bambini.

  • Archivio Controllo Mentale
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO