TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 24/10/2005 Uragani e Tifoni (Giuliana Conforto, www.disinformazione.it)

    Ricerca personalizzata

    Immagino che sarete, come me, attenti agli eventi naturali che stanno sconvolgendo la superficie della terra ed alla gara di solidarietà tra i governi ed istituzioni di fronte alle catastrofi della natura. Si sfiora quasi il paradosso; paesi poveri, ridotti in miseria dall'embargo, quali ad esempio Cuba, fanno la carità agli USA, il paese "più ricco del mondo". Dagli stessi articolisti americani emerge che gli USA hanno bisogno di un cambio non di carità. Tra l'altro il governo federale avrebbe potuto evitare la catastrofe di New Orleans, che è sotto il livello del mare, rafforzando gli argini e con una spesa di gran lunga inferiore a quella dei danni appena subiti. La catastrofe era stata prevista nei dettagli in un articolo apparso nel 2001 su Scientific American. Ci sarebbe stato tutto il tempo di evitarla quindi. New Orleans è come il nostro Vajont ed oggi non è più un caso isolato. Oggi uragani e tifoni incalzano ovunque, il clima impazzito, il riscaldamento globale, l'accelerato scioglimento dei ghiacciai provocano effetti evidenti pure in Europa tanto che la paura del disastro sta dilagando anche in Italia.

    L'atteggiamento dei governi è simile ovunque. Per la prevenzione non ci sono i soldi anche perché c'è un'altra catastrofe in agguato, quella finanziaria, economica e politica. Non c'è bisogno di essere esperti per capirlo e per capire perché i dirigenti, così occupati con le prossime elezioni, non si possono occupare del grave dissesto idrogeologico in cui versa anche il nostro paese. La prevenzione non fa pubblicità... Comunque tutto fa ritenere che i disastri aumenteranno. Gli scienziati sono unanimi nel riconoscere che la causa del clima impazzito è il riscaldamento globale del pianeta. Gli ambientalisti additano altre cause, l'eccessiva urbanizzazione, la combustione dei fossili, la produzione industriale e l'anidride carbonica che l'effetto serra. Tutto vero, ma non spiegano perché il riscaldamento globale riguarda non solo la Terra , ma l'intero sistema solare. E' stato osservato anche su Plutone, il pianeta più distante di tutti che in questi ultimi anni si è persino allontanato dal sole http://www.space.com/scienceastronomy/pluto_warming_021009.html

    E non solo. Il campo magnetico interplanetario, quello cioè generato dal sole, è cresciuto del 40% negli ultimi 40 anni. Il cielo è costellato di improvvise emissioni gamma. Una delle più potenti è stata osservata il 27 dicembre 2004 (http://www.mpe.mpg.de/gamma/Highlights/PR20050218/) ovvero all'indomani dello tsunami che ha sconvolto il Sud-Est asiatico. Sono segni evidenti dell'Apocalisse annunciata da millenni.
    C'è un dettaglio che molti dimenticano. Apocalisse non vuol dire fine, ma rivelazione. Di cosa? Rivelazione delle cause che fanno evolvere il sistema solare in modo repentino. Oggi si invoca la scienza e si ignora che il tipo di scienza in auge, quella che i potenti di tutto il mondo finanziano, è incapace non solo di prevenire, ma anche di comprendere le cause del fenomeno. Questa scienza calcola i tempi di evoluzione dell1universo in base ad ipotesi smentite dai suoi stessi dati, propone modelli della Terra che ignorano le sue stesse scoperte. La più recente, confermata all'unanimità dalla comunità scientifica, ha svelato che il cuore della Terra, una sfera di circa 3500 km di raggio (l'intero raggio terrestre è poco più di 6000 km ) ruota più veloce del resto del pianeta e possiede una temperatura di gran lunga superiore a quella prevista. La geofisica sembra ignorare che la crosta terrestre, profonda appena 60 km , cioè appena 1% dell'intero raggio terrestre, può essere scollegata dagli strati sottostanti. La crosta è rispetto all'intero pianeta come la buccia di un frutto. Sotto la crosta c'è una discontinuità, nota come Moho discontinuità, che nessuno ha mai osservato direttamente. I modelli geofisici ed astrofisici potrebbero essere tutti falsi, perché presumono che i pianeti siano composti da un unico tipo di materia, lo stesso che compone la superficie... Questa scienza fa modelli che non ha modo di provare... Serve una nuova scienza capace di comprendere l'essere umano, la co-scienza che indica la via della vera libertà. Ne parlo nei miei articoli, tra l'altro nell'ultimo (http://www.giulianaconforto.it/English/articles/Coldfusion.htm) e ne parlerò nelle mie prossime conferenze tra settembre e ottobre.

    Comunque che sta succedendo? Quello che ci aspettavamo e che ho in parte descritto nel mio ultimo libro, Universo Organico e l’utopia reale. I discorsi dei politici, che si arrabattano per conservare le loro poltrone, sono sempre più patetici e futili. Gli uragani risvegliano quella parte sana della popolazione che ancora credeva nell’efficacia e nell’efficienza del potere costituito. Il popolo dei dormienti è ancora la maggioranza e forse rimarrà tale, ma quello dei risvegliati è cresciuto, non tanto in quantità quanto in qualità ed oggi è chiamato ad agire, a contribuire alla svolta epocale che sarà comunque per il bene e la prosperità di tutti. Agosto ha significato una svolta importante, secondo me. E' emersa l'importanza dell'azione pratica, volta a contribuire ad una società organica, l'utopia che coniuga il benessere individuale con l'armonia collettiva. La trasformazione della Terra indica chiaramente il Progetto nuovo mondo, al quale possono contribuire tutti quelli che lo vogliono e conoscono la sua condizione essenziale, la coscienza di sé. Siamo in una fase molto importante e delicata, in cui urge abbandonare i vecchi schemi, legami e modi di agire ed adottarne di nuovi, coerenti con il Progetto, con la soddisfazione dei propri bisogni individuali ed anche quelli collettivi.

    Trovare i responsabili del vecchio sistema è molto facile. Lo siamo tutti, finché continuiamo a dire vane parole, a tenere i soldi in banca, ad agire come abbiamo agito finora, cioè criticando il sistema e quindi continuando a dipendere dal sistema stesso. E' urgente immaginare, progettare e contribuire al nuovo mondo. Che fare dunque? E' ovvio che ognuno fa quello che vuole, se vogliamo un mondo un cui finalmente trionfi la libertà, ma è importante riconoscere che la vera libertà implica anche l'indipendenza dal vecchio modo di vivere, non solo dalle sue inquinanti fonti energetiche, ma anche dall'economia in sfacelo, dalle finanze prossime alla bancarotta mondiale. La Vita sta suggerendo nuove vie a ciascuno di noi in modo diverso e complementare a quello degli altri. Le nuove vie prefigurano l'emergere dei gruppi fatti non solo di piacevoli incontri, ma anche di attività pratiche comuni, di collegamenti con altri gruppi affini, contatti diretti tra produttori e consumatori in modo da migliorare la qualità dei prodotti, rispettare il lavoro umano ed evitare la matassa putrescente della grande distribuzione. La Vita è fatta di emozioni ed azioni pratiche, utili per soddisfare i propri bisogni, esprimere i propri talenti e realizzare i propri progetti. Oggi urge l'azione coerente con la propria volontà, azione quindi tale da soddisfare i propri bisogni individuali ed anche quelli collettivi. Nessuno di noi può essere felice in un mondo così disperato. Tutti abbiamo gli strumenti adatti per vivere e vivere bene in un mondo che sta cambiando in modo sempre più accelerato, molto più rapido di quanto prevedano i modelli dei geofisici ed anche i calendari Maya, secondo me. Gli strumenti sono i nostri stessi cervelli che possono riconquistare la loro plasticità, attivare le loro infinite potenzialità finora latenti, finalmente tesi ad essere anziché ad avere. La via è la coerenza tra proprie azioni e la propria vera volontà. La tua volontà vera è il tuo grande segreto che oggi puoi scoprire e mettere in atto se usi la Forza , cioè se rispetti la tua verità interiore.

  • Archivio Controllo Elettronico Climatico
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO