TuttoTrading.it

17/09/2011 Il debito pubblico lo paga chi l' ha fatto (Leonardo Minnozzi)

Ricerca personalizzata

Il debito pubblico e’ la somma dei debiti dello Stato e degli enti locali che sono rappresentati dall’insieme dei titoli di Stato (Bot, Cct, Bpt, ecc.) e dai finanziamenti ottenuti da banche e altre istituzioni creditizie. Per riproporre il parallelo, il debito pubblico della famiglia Rossi e’ dato dalla somma dei debiti in essere, rappresentati da mutui, finanziamenti rateali, ecc.

Ritorniamo al punto. Perche’ e’ cosi’ grave che lo Stato abbia un Pil di 100 e debiti di pari importo? D’altronde, anche la famiglia Rossi -che ha redditi annuali pari a 50 mila euro- ha appena comprato casa, accendendo un mutuo di 100 mila euro. In questo momento, quindi, la famiglia Rossi ha un rapporto debito/Pil pari al 200% (100.000/50.000*100), ben piu’ alto dell’attuale rapporto dello Stato italiano che a fine 2005 era “solo” del 106,6%.

Situazioni come quella della famiglia Rossi sono abituali. E allora, perche’ e’ importante ridurre il debito a un tasso molto inferiore al 100% del Pil, a livello di altri Stati paragonabili all’Italia? Per esempio, il rapporto in questione in Francia e’ Germania e’ tra il 60 e il 70%, in Spagna e’ sotto il 50%, per non parlare del Regno Unito dove e’ poco superiore al 40%.

La risposta e’ banale. Perche’ i debiti vanno prima o poi onorati e se non si pagano oggi, si dovranno pagare domani, sostenendo costi aggiunti. Non solo gli interessi passivi, ma soprattutto l’impossibilita’ di effettuare investimenti.

L'esplosione del debito pubblico è una partita di giro generata da criminali per impoverire i popoli e arricchire una élite a cui dovrebbe invece essere addebitato. E' il nostro lascito, insieme alla distruzione ambientale, per le nuove generazioni, paragonabile ai disastri prodotti nel periodo coloniale di cui paghiamo ancora le conseguenze. Saranno falcidiati rigorosamente i settori vulnerabili della popolazione... e come sempre pagheranno i più deboli le colpe di una élite collusa, corrotta e bancarottiera... 

  • Archivio Conti Pubblici
  • Ricerca personalizzata