12/09/2005 Nuove Regole e più Trasparenza per le Vendite a Domicilio (Franco Muzzi, www.prontoconsumatori.it)

  • Pagina Famiglia
  • Temi Archivio
  • Temi Ultimi
  • Pagina Commercio
  • Pagina Truffe
  • E un freno per quelle piramidali e per le improbabili "catene di Sant’Antonio". Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 17 agosto 2005, n. 173 in materia di "Vendita a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali


    Più trasparenza per le vendite a domicilio e un freno per quelle piramidali e alle improbabili "catene di Sant’Antonio". Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 17 agosto 2005, n. 173 in materia di "Vendita a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali". Il Parlamento ha quindi definitivamente approvato il testo normativo che interviene sulle cosiddette vendite piramidali, in cui l’incentivo economico dipende dal mero reclutamento di nuovi soggetti. La legge vieta infatti, “la promozione e la realizzazione di attività e di strutture di vendita nelle quali l'incentivo economico primario dei componenti si fonda sul mero reclutamento di nuovi soggetti piuttosto che sulla loro capacità di vendere o promuovere la vendita di beni o servizi”. Della serie “Quando il guadagno promesso arriva solo - praticamente mai - se si reclutano sempre nuovi livelli di agenti”. La normativa vieta inoltre la promozione o l'organizzazione di tutte quelle operazioni, quali giochi, piani di sviluppo, "catene di Sant'Antonio", che configurano la possibilità di guadagno attraverso il puro e semplice reclutamento di altre persone e in cui il diritto a reclutare si trasferisce all'infinito previo il pagamento di un corrispettivo. Nel contempo, il provvedimento disciplina anche in maniera diretta le vendite a domicilio prevedendo maggiori obblighi di trasparenza per le società e i soggetti impegnati nel settore, e più garanzie per gli acquirenti.

    Ai fini della presente legge si intende: per "vendita diretta a domicilio" la forma speciale di vendita al dettaglio e di offerta di beni e servizi effettuate tramite la raccolta di ordinativi di acquisto presso il domicilio del consumatore finale o nei locali nei quali il consumatore si trova, anche temporaneamente, per motivi personali, di lavoro, di studio, di intrattenimento o di svago; per "incaricato alla vendita diretta a domicilio", colui che, con o senza vincolo di subordinazione, promuove, direttamente o indirettamente, la raccolta di ordinativi di acquisto presso privati consumatori per conto di imprese esercenti la vendita diretta a domicilio; per "impresa" o "imprese", l’impresa o le imprese esercenti la vendita diretta a domicilio. Le disposizioni della presente legge non si applicano alla offerta, alla sottoscrizione e alla propaganda ai fini commerciali di prodotti e servizi finanziari; prodotti e servizi assicurativi; contratti per la costruzione, la vendita e la locazione di beni immobili.

    Il provvedimento è il frutto di un lungo lavoro parlamentare iniziato nel 1992 sulla base di un progetto di legge proposto dalla Avedisco (associazione di categoria che raggruppa le Aziende che operano nel settore della vendita diretta) e sostenuto dalle Associazioni dei consumatori. Da oggi la distinzione tra vendita diretta a domicilio e vendite piramidali o “catene di Sant’Antonio” è sancita dalla legge e la punizione per chi sgarra sarà severa (arresto da 6 mesi ad 1 anno e multa da 100.000 a 600.000 euro). “La legge sulla vendita diretta sancisce definitivamente il posizionamento del nostro comparto tra i grandi sistemi di distribuzione commerciale riconosciuti a livello istituzionale” – afferma il Presidente di Avedisco Enrico Festa - “la messa al bando dei sistemi piramidali introdotta con questa legge, oltre a costituire la manifestazione di grande civiltà commerciale pone la nostra Legislazione al pari delle più avanzate normative esistenti in materia a livello europeo”.

    Vendite piramidali e “catene di San Antonio”, truffe vere e proprie in cui sono incappati nel corso degli anni centinaia di migliaia di ignari cittadini, attratti dal miraggio dei facili guadagni. Un raggiro così diffuso, anche via Internet e tramite le inserzioni sui giornali, che promettono l'inserimento in reti di vendita e lucrosi guadagni a provvigione, da parte di società del tutto sconosciute. “Il primo consiglio - spiega un avvocato - è quello di sporgere immediata denuncia alle autorità competenti, non appena si è capito di essere stati truffati.” Un'altra azione da intraprendere subito è quella di inviare tramite raccomandata con ricevuta di ritorno una diffida al soggetto o alla società che ha proposto l'affare, costituendola in mora per la cifra che si è sborsata.

    La legge approvata dal Parlamento, esclude dalla fattispecie delle vendite piramidali, e quindi permette, i servizi finanziari e assicurativi basati sul “multilevel marketing” e le vendite fondate su questo sistema commerciale. Quest'ultima forma di vendita si caratterizza per il fatto che i vari venditori della catena effettivamente commercializzano dei prodotti che hanno un valore di mercato e i loro introiti non sono rappresentati solo dal reclutamento della forza vendita e dalle percentuali premiali, che devono essere contenute, che ottengono sugli affari realizzati dai livelli inferiori. Una parte consistente delle loro entrate deve quindi arrivare dalla reale commercializzazione dei prodotti e dei servizi proposti dall'azienda. Certo la formulazione della legge traccia un confine molto labile tra “multilevel marketing” e le vendite piramidali, per cui è ovvio che saranno in molti a cercare di mascherare le catene di Sant'Antonio in strutture di marketing multilivello.

    Governo italiano


  • Pagina Famiglia
  • Temi Archivio
  • Temi Ultimi
  • Pagina Commercio
  • Pagina Truffe