TuttoTrading.it

07/05/2008 Staminali e cordone: conservazione autologa. Ancora incertezze da colmare (Donatella Poretti *)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attivitą creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Dall'Ufficio Sangue del ministero della Salute si viene a sapere che sara' prorogata al 30 giugno l'ordinanza del ministero della Salute, in scadenza a fine maggio, che vieta la conservazione autologa delle cellule staminali del cordone ombelicale. (vedi secondo articolo)

La conservazione del cordone per uso proprio era stata decisa col decreto "milleproroghe", dovendo istituire, per l'appunto entro il 30 giugno, la rete di banche del sangue di cordone ombelicale pubbliche e private, autorizzate dalle Regioni tramite il coordinamento del Centro Nazionale Trapianti e del Centro Nazionale Sangue La conservazione del cordone stabilita dal "milleproroghe", e' del tipo 'autologa solidale', cioe' dovrebbe consentire di conservare le staminali per uso proprio ma con la disponibilita' a donarle, se necessario, ad un paziente compatibile.

Un buon compromesso rispetto alla esclusiva donazione eterologa oggi in vigore ma che stride fortemente col fatto che, nei primi quattro mesi del 2008, secondi i dati del ministero, sono state piu' di duemila le autorizzazioni del ministero per la conservazione del proprio cordone in banche estere (cosi' come prevede l'attuale normativa), circa il doppio dei cordoni donati.

La situazione appare molto delicata e precaria. Il ministro della Salute Livia Turco non ha deciso in due anni di Governo di capovolgere l'ordinanza del precedente ministro Girolamo Sirchia, ordinanza criticata dai piu', senza colore politico di parte, e solo nel decreto 'milleproroghe' si e' riusciti ad infilare questa modifica.

Mi domando, dopo la proroga dalla scadenza del 30 maggio a quella del 30 giugno, cosa accadra' . Il ministro Turco avrebbe potuto intervenire cosi' come ha fatto per le diagnosi pre-impianto in materia di fecondazione assistita, ma non lo ha fatto, consegnando al suo successore questo incarico, pur indicando una data precisa per evitare che si andasse a tempi indefiniti. Successore che, per parte sua, come aveva anche fatto in precedenza Livia Turco, non so se rispondera' piu' alle esigenze dei pazienti che degli equilibri del proprio schieramento politico.

Mi auguro che non si sacrifichera' la salute dei cittadini ancora sull'altare della politica e per questo vigilero' anche con la mia attivita' in commissione Igiene e sanita' in Senato, commissione in cui, senza schieramenti di parte politica, so di non essere sola.

* senatrice

07/05/2008 Verso la proroga ordinanza su conservazione autologa delle staminali cordonali (http://www.aduc.it)

Conto alla rovescia tra le polemiche in Italia per la possibilita' di conservare le cellule staminali del cordone ombelicale per uso autologo solidale, depositandole in una banca ma con l'impegno a donarle se necessarie a un paziente compatibile.

'E' una soluzione che va contro gli interessi delle persone', ha detto il direttore della rete italiana delle banche del cordone (Italian Cord Blood Network), Paolo Rebulla, nell'incontro organizzato ieri a Roma dall' Associazione donatrici italiane sangue cordone ombelicale (Adisco).

E' dello stesso parere il responsabile del trapianto di cellule staminali del policlinico di Tor Vergata, William Arcese, 'sono pari a una su 250.000 le probabilita' dell'uso autologo del cordone per curare malattie specifiche' e che 'sono pari al 97% le possibilita' di ritrovare il proprio cordone nella banca a 15 anni di distanza'. E' il 30 giugno il termine previsto dal decreto Milleproroghe del febbraio scorso per istituire la rete di banche del sangue di cordone ombelicale pubbliche e private, autorizzate dalle Regioni tramite il coordinamento di Centro Nazionale Trapianti e Centro Nazionale Sangue.

Nel frattempo, ha detto la responsabile dell'Ufficio Sangue del ministero della Salute, Isabella Sturbi, sara' prorogata al 30 giugno l'ordinanza del ministero della Salute, in scadenza a maggio, che vieta la conservazione autologa delle cellule di cordone in Italia. E per il direttore del Centro Nazionale Sangue, Giuliano Grazzini, 'se la conservazione per uso autologo va fatta, va resa compatibile con le risorse disponibili'.

Le spese per la conservazione autologa solidale saranno a carico delle famiglie, ma quantificarle non e' semplice. le stime piu' attendibili, secondo gli esperti, sono intorno ai 2.000 dollari, mentre allo Stato spettano i costi necessari a garantire la qualita' delle banche pubbliche e private, con un cofinanziamento per ogni banca di 500.000 euro piu' una cifra compresa fra 500.000 e mille euro per le attivita' di coordinamento e le ispezioni periodiche.

http://www.aduc.it

  • Archivio Cellule Staminali
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Societą Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO