TuttoTrading.it

26/10/2007 Allo studio staminali cordonali per riparare l'udito (http://www.aduc.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attivitą creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

La musica a volumi eccessivi in discoteca e i brani 'amplificati' direttamente nelle orecchie con le cuffie dell'I-Pod sono i maggiori fattori di rischio di problemi uditivi e sordita' fra i giovani. Ma un modo per limitare danni c'e': "Alternare un'ora di 'pausa' a ogni ora di ascolto o di ballo in pista, per consentire alle cellule acustiche di riposare e di rigenerarsi". Parola di Giancarlo Cianfrone, ordinario di Audiologia all'universita' La Sapienza di Roma, che partecipando il 12 ottobre nella capitale alla presentazione della Giornata nazionale Airs per la lotta alla sordita', tenutasi il 18 ottobre, ha sottolineato: "Il pericolo di incappare in disturbi dell'udito e' proporzionale alla quantita' e alla qualita' dell'esposizione alla musica forte".

"Far riposare l'orecchio e' dunque il consiglio principale da dare ai ragazzi, le cui abitudini di vita sono caratterizzare da un'esposizione media giornaliera pari a 85 decibel di rumore costante. Troppo per gli standard fissati dalle autorita' internazionali. E il problema si fa ancora piu' grande considerando che meno del 30% dei locali notturni si e' adeguato al limite fissato dal decreto 215/99 sul picco massimo di rumore accettabile nelle discoteche. Sono comunque in arrivo nuove norme di regolamentazione".
Dare una 'tregua' all'apparato uditivo e' molto importante, dunque, "soprattutto considerando che nel nostro orecchio -ha detto Alessandro Martini, ordinario di Audiologia all'universita' di Ferrara e coordinatore nazionale dell'Airs- ci sono solamente 3.500 cellule acustiche 'contro' i milioni di cellule visive o olfattive".

Queste "si possono rigenerare ma nel caso in cui i danni sono gravi e non si puo' tornare indietro, stiamo studiando una nuova metodica che consente l'utilizzo di cellule staminali da cordone ombelicale per stimolare le cellule endogene.
Attualmente siamo in fase di analisi su modello animale e riusciremo a capire se il sistema e' utilizzabile anche nell'uomo fra almeno cinque anni".

http://www.aduc.it

  • Archivio cellulestaminali
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Societą Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO