TuttoTrading.it

26/01/2005 Assicurazione Casalinghe: Istruzioni per l'Uso (www.prontoconsumatore.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

   E’ semplice iscriversi all’assicurazione Inail delle casalinghe, obbligatoria per chi ha da 18 a 65 anni e non ha un contratto di lavoro. Finora lo hanno fatto due milioni di italiane... Ma conviene? E cosa rischia chi non si mette in regola?


Il numero degli infortuni registrati in ambito domestico è purtroppo elevato. Gli incidenti delle donne, legati alle attività domestiche o di cucina, sono più numerosi di quelli degli uomini per i differenti ruoli svolti nella famiglia. Le cause di questi incidenti vanno ricercate nella disinformazione, nel comportamento imprudente, negli spazi inadeguati, nel crescente numero di elettrodomestici, nell’uso non accorto di farmaci e di prodotti per l’igiene. Le casalinghe sono spesso responsabili di alcune categorie vulnerabili: bambini, anziani e disabili, la cui cura può abbassare il livello di attenzione e di conseguenza aumentare l’esposizione al rischio.

La Legge 3 dicembre 1999, n. 493 ha istituito una polizza contro gli infortuni domestici che riconosce e valorizza chi - tra i 18 e i 65 anni - svolge lavoro domestico in maniera abituale, esclusiva e gratuita. Dal 1° marzo 2001 l'assicurazione è diventata obbligatoria e il premio va pagato entro il 31 gennaio. Il costo annuale dell'assicurazione è fissato in 12,91 euro ed è deducibile ai fini fiscali. Il versamento deve essere effettuato ogni anno entro il 31 gennaio e ciò assicura una copertura fino al 31 dicembre dello stesso anno. Anche chi raggiunge i requisiti e si iscrive dopo il 31 gennaio deve quindi versare l'intero importo.

Chi non si mette in regola rischia una multa di 25,82 euro. Negli anni passati si sono iscritte al Fondo Inail "solo" 2 milioni di casalinghe che, sulla base delle regole attuali, potranno ricevere una pensione a vita solo in caso di infortuni gravi che procurano una invalidità superiore al 33 per cento. Secondo le associazioni delle casalinghe, il difetto principale dell' assicurazione sta nei limiti di età (copre gli incidenti di donne con meno di 65 anni) e nella sua rigidità (chi volesse pagare di più per avere maggiori protezioni non può farlo).

La polizza obbligatoria INAIL per per le casalnghe è sostanzialmente di una polizza "grandi rischi" che tutela contro gli incidenti domestici di una certa gravità ed è rivolta in particolare alle donne casalinghe "a tempo pieno", ma anche ad altre persone presenti nel nucleo familiare. Infatti possono assicurarsi anche:
- i pensionati che non hanno superato i 65 anni;
- chi ha già compiuto 18 anni e lavora esclusivamente in casa per la cura dei componenti della famiglia (ad esempio ragazzi o ragazze che sono in attesa di prima occupazione);
- gli studenti che svolgono attività in ambito domestico (anche se studiano e dimorano in una località diversa dalla città di residenza);
- i cittadini stranieri che soggiornano regolarmente in Italia.

Per i periodi in cui non svolgono attività lavorativa, possono assicurarsi:
- i lavoratori in cassa integrazione guadagni (CIG);
- i lavoratori in mobilità;
- i lavoratori stagionali, temporanei, a tempo determinato.
In questi ultimi tre casi il premio va versato per l'intero anno, ma la copertura assicurativa opera solo nei periodi in cui il soggetto non svolge attività lavorativa.

Non devono assicurarsi invece:
- i lavoratori coinvolti in lavori socialmente utili (LSU), borse di Lavoro, corsi di formazione, tirocini; tali persone, pur in assenza di rapporto di lavoro, svolgono un'attività che è assimilata a quella lavorativa;
- chi lavora part time a tempo indeterminato, e quindi ha un contratto che comporta l'iscrizione a forme obbligatorie di previdenza sociale.

In vista della scadenza del 31 gennaio, l'INAIL sta svolgendo una intensa campagna promozionale che coinvolge tutti i mezzi di comunicazione: dalle telepromozioni nei circuiti televisivi Rai e Mediaset, agli spot radiofonici (CNR Plus, Radio 5, Area), alla diffusione di materiali informativi in aree di grande afflusso (centri commerciali, sale di attesa degli ospedali, mense, ecc.)

Ulteriori informazioni si possono trovare:
- chiamando il numero verde 803.888;
- sul sito Internet dell'INAIL;
- in tutte le Sedi INAIL;
- le Associazioni delle Casalinghe (Federcasalinghe Movimento Italiano Casalinghe)
- i Patronati come l’Inca-Cgil, l’Inas-Cisl o i Patronati Acli

  • INAIL

    www.prontoconsumatore.it

  • 29/01/2009 Archivio Assicurazione Casalinghe
  • Archivio Casa Condominio
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO