TuttoTrading.it

02/07/2010 Il  salmone “ormonato” la “foglia” e il “bio” (Lillo Alaimo Di Loro – Vicepresidente AIAB)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Dopo i polli dalla “crescita precoce”, la frutta agli ormoni,  il “ pomodoro che non marcisce”, ( che tanto mi ricorda i nomi delle associazioni di volontariato religioso che raccolgono offerte ai funerali), l’ormai celebre  “mais repellente alla piralide” e chissà quali altre inutili diavolerie, ora arriva il “super salmone  a crescita raddoppiata”.

“Ormonato” e forse anche “palestrato”, visto che deve fare tutto in fretta. Maturare in massimo 18 mesi contro i tre anni di media di un “normale” salmone, anche di allevamento. La modifica genetica riguarda infatti il gene che codifica la produzione dell’ormone della crescita, che i salmoni non secernono in acqua fredda.  Secondo la  AquaBounty, la società che lo ha sviluppato, il pesce “bio tech”, nel caso veni sse  approvato dalla FDA (dalla Food and Drude Administration) l’autorità statunitense preposta, sarebbe il primo animale transgenico per il consumo umano introdotto sul mercato.

Nella malaugurata ipotesi che ciò avvenisse si  creerebbe un pericolosissimo precedente. Una falla nefasta nella precaria barriera contro gli OGM, verso i quali la popolazione europea ha più volte esplicitato la propria avversione.  Ma per fortuna la “vecchia Europa” si difende come può presentando, pur con i suoi limiti, il volto di un “reticolato” normativo che esprime un modello di qualità merceologica e culturale comunque alto. Mentre scriviamo entra  in vigore sul  territorio comunitario  la nuova  etichettatura del Bio europeo e  il biologico si qualifica come  primo “settore” che indica la provenienza delle materie prime.

La foglia stilizzata composta da stelle bianche su sfondo verde, che nel nuovo logo  identificherà i prodotti biologici europei, si accompagnerà alla scritta “Italia” se tutti gli ingredienti contenuti saranno di origine nazionale. Un fatto importante che rappresenta un nuovo tassello qualificante dell’offerta qualitativa europea rispetto agli standard globali. Mentre tornando ai pesci, ironia della sorte, un altro punto a favore dell’Europa: l’entrata in vigore del Regolamento (CE) n. 710/2009 sull’acquacoltura biologica. Fatto notevole che rappresenta anche un traguardo  per tutto il movimento del biologico, che vede ora aprire nuove frontiere alla bio-produzione  zootecnia.

Come dire, contro l’ennesimo goffo tentativo di introduzione di nuovi cibi “allevati in scatola” gli obiettivi  restano la tutela delle identità territoriali delle produzioni e la difesa delle prerogative di sostenibilità e la tutela della salute di cui il biologico porta il vessillo.

© 2007, Edizioni Aiab - Tutti i diritti di riproduzione sono liberi citando la fonte.

www.aiab.it

  • Archivio Biologico
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO