TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 14/03/2007 MINORI. Psicofarmaci, Ministero Salute incontra "Giù Le Mani dai Bambini" (SB, www.helpconsumatori.it)

    Ricerca personalizzata

    Si è svolta stamattina presso il Ministero della Salute la prima riunione del tavolo nazionale su psicofarmaci e bambini, convocato con una lettera a firma del Ministro Livia Turco anche in risposta alle roventi polemiche scatenate dall'introduzione sul mercato del Ritalin e dello Strattera, potenti psicofarmaci che verranno somministrati ai bambini italiani. "Chiedevamo questo tavolo da oltre un anno, quindi plaudiamo l'iniziativa del Ministro - ha commentato Luca Poma, Portavoce Nazionale di "Giù Le Mani dai Bambini", prima campagna nazionale di farmacovigilanza per l'età pediatrica in Italia - il confronto è stato utilissimo, ma la burocrazia sembra avere tempi troppo lunghi: ci si rivedrà fra sei mesi.

    "Il paradosso - ha proseguito Poma - è che gli psicofarmaci verranno somministrati ai bambini sulla base di protocolli diagnostici e terapeutici che secondo i nostri esperti sono carenti e presentano un livello di garanzia per i piccoli pazienti troppo basso. E' una situazione tutta italiana: prima si immette in commercio uno psicofarmaco, e poi, forse, si perfezionano i protocolli per somministrarlo, quando invece dovrebbe accadere esattamente il contrario."

    Enrico Nonnis, neuropsichiatra infantile e rappresentante a questo tavolo di "Psichiatria Democratica ha dichiarato: "Questi signori non dicono le cose come stanno. Questi psicofarmaci hanno certamente degli effetti, migliorano l'attenzione dei bambini, ma sia di quelli sani che di quelli malati, ed a che prezzo sul lungo periodo? Che quello farmacologico in questi casi sia di per se un approccio scientificamente serio, è tutto da dimostrare: smettiamola di prenderci in giro tra specialisti, facciamo un bagno di umiltà, scendiamo con i piedi per terra, e ripartiamo da qui: apriamo una riflessione sull'opportunità di usarli, questi psicofarmaci. Così stanno le cose, e vanno dette." Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell'età evolutiva, anch'egli presente al tavolo di oggi, ha dichiarato: "Secondo alcuni degli presenti oggi al tavolo, fino a ieri i bambini italiani iperattivi e da curare con psicofarmaci erano il 4%, oggi sono diventati lo 0,8%: ma è scienza o stiamo giocando alla lotteria?". Giù le Mani dai Bambini invierà nei prossimi gironi all'Istituto Superiore di Sanità una lettera reiterando la richiesta di immediata revisione dei protocolli diagnostico terapeutici.

  • Archivio Bambini
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO