TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 18/10/2006 Il Bambino e la Rockstar: il Mondo dei ‘Senza Regole’ (http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    Le danno in affido un bimbo africano, lei lo mette sul jet privato e se lo porta a Londra, parlando di adozione. Le regole ci sono, ma per qualcuno non valgono. L’ultima impresa della signora Ciccone, in arte Madonna, alla faccia dei comuni mortali.

    C’è chi può e chi non può. Lei può. E si porta a casa un figlio come fosse un souvenir, facendolo imbarcare sull’aereo privato e facendolo atterrare a Heathrow, uno degli aeroporti di Londra. La signora Ciccone, in arte Madonna, e il marito Guy Ritchie hanno così un nuovo pargoletto in casa: si chiama David Bamba, ha tredici mesi ed è nato in Malawi, bel paese nel cuore del continente africano. Orfano di madre, morta per complicazioni dovute al parto, il piccolo David è stato affidato dal padre, anch’egli in non buone condizione di salute, ad un orfanotrofio, per poi acconsentire a che il piccolo venisse adottato. Le autorità hanno così dato il bambino, in affido temporaneo, alla illustre coppia straniera, la quale non ci ha pensato più di tanto e ha deciso di non attendere il provvedimento definitivo di adozione. Ha promesso al governo una donazione da 3 milioni di dollari per progetti di cura e assistenza, ha imbarcato il piccolo sull’aereo e arrivederci e grazie. Davvero, una “material girl”.

    Il padre naturale del piccolo si è detto felice per l’opportunità che si apre per il suo bambino, e anche la rock star non ha lesinato la sua contentezza. Con il suo dono monetario, certamente migliorerà in modo sensibile la condizione di molti cittadini del Malawi, e lo stesso David vivrà certamente in condizioni meno difficili di quelle dalle quali proviene. Ma andrà pure chiarito che in ogni azione è doveroso mantenere uno stile, e in tutta questa storia se ne nota solo uno, davvero pessimo.

    Per quanto valga la parola “illegalità”, questa è una adozione illegale, e la “presa” del bimbo è niente meno che un rapimento. E’ illegale perché la legge del paese africano prescrive che possano essere affidatari e adottanti solo coloro che per almeno 18 mesi risiedono costantemente nel paese sotto il controllo dei servizi sociali (ve la immaginate Madonna in Malawi, per un anno e mezzo?), ed è un rapimento perché quel bambino non poteva essere condotto fuori dai confini nazionali. Per Madonna si è fatta un’eccezione, anzi se ne sono fatte due, forse nella consapevolezza che difficilmente la cantante sarebbe riuscita a passare indenne i diciotto mesi di osservazione prescritti dalle regole. E’ illegale, dunque, ma è anche e soprattutto irrispettosa. Irrispettosa verso tutti coloro che stanno alle regole, che fanno file e trafile, che riempiono pratiche, che attendono pazientemente il lungo iter di una adozione internazionale. Regole troppo severe forse, sicuramente da rivedere e da ridefinire con accordi generali a livello internazionale, ma comunque regole. Regole che per la signora Ciccone non valgono, però; con il rischio concreto che i capricci e i desideri di una star abituata ad avere tutto e subito possano causare la fine dei sogni di semplici e umili persone in attesa di diventare padri e madri (proteste per il caso si sono levate da grandi associazioni attive nel campo delle adozioni, e l'atmosfera che si respira a livello globale nel pianeta adozioni, anche a seguito del caso Italia-Bielorussia, non è dei migliori).

    Rimane un alibi: che lo abbiano fatto “nell’esclusivo interesse del bambino”, il quale “certamente ora è destinato a stare meglio”. Glielo auguriamo davvero, ma non ne saremmo troppo sicuri. Anche perchè è opinabile che fosse nell'interesse del bambino il renderlo protagonista di una fuga-rapimento data in pasto a giornali scandalistici e grandi media. Per David molto migliorerà, ma i problemi non mancheranno. E anche a Londra, anche a casa Madonna, i servizi sociali farebbero bene a stare in allerta.

  • Archivio Bambini
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO