TuttoTrading.it

14/03/2006 Fiumi, Onu: «Soffrono in tutto il Mondo» (www.verdi.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Sono sempre meno i fiumi naturali, in Italia l'ultimo è il Tagliamento. È l'allarme delle Nazioni Unite confermato dal rapporto del Wwf. Solo un terzo scorre senza incontrare dighe o altri sbarramenti

I grandi fiumi del mondo sono in crisi. Lanciano l’allarme le Nazioni Unite, lo confermano al Wwf. L’ultimo rapporto degli ambientalisti, «Fiumi senza ostacoli, lusso economico o necessità ecologica?», racconta come la maggior parte di essi sta perdendo lo sbocco al mare e, cosa ancora più grave, quasi un quarto di quelli che ancora lo hanno, nei prossimi 15 anni rischia di restarne privo. Principali imputati l’effetto serra, la siccità, ma soprattutto le opere artificiali dell’uomo. Secondo l’associazione del panda, solo un terzo circa dei 177 fiumi più lunghi del mondo scorre senza incontrare dighe o altri sbarramenti. In realtà, solo 21 di questi sono fiumi senza ostacoli dalla sorgente alla foce, gli altri 43, come Congo e Rio delle Amazzoni sono tributari di altri grandi fiumi.

«La rapida diminuzione di fiumi non imbrigliati – avverte il Wwf – è una tendenza pericolosa che mette in forse la disponibilità di acqua per uso alimentare, sanitario, agricolo e ittico. Siamo sul punto di perdere un altro fenomeno naturale, e ci renderemo pienamente conto dei costi da pagare solo quando sarà troppo tardi. Anche perché, sono i naturali regolatori dei livelli d'inquinamento e di sedimentazione, la cui mancanza è stata tragicamente dimostrata dall'alluvione di New Orleans».

Il Wwf afferma inoltre che non bisogna sottovalutare la minaccia che gli ostacoli artificiali costituiscono per gli animali, come i pesci gatto nel rio delle Amazzoni e nel bacino del Mekong, i delfini di fiume nel bacino del Gange, gli gnu nel fiume Mara. I fiumi cosiddetti “naturali” si trovano in massima parte in Asia, e in quantità di poco inferiore in sud e nord America. In coda sono invece l'Australia e l'area del Pacifico, con solo tre fiumi, e l'Europa, dove un solo grande fiume, il russo Pechora, fluisce liberamente dalla sorgente al mare. In Italia abbiamo il caso del Tagliamento, uno degli ultimi fiumi naturali delle Alpi, oggetto di un devastante progetto di sponde artificiali.

«È solo un esempio – sostiene ancora il Wwf - della politica italiana contro le acque interne, suggellata di recente anche dalla condanna della Corte di Giustizia europea per il mancato recepimento della direttiva quadro sul tema. In Italia, inoltre, non si sta facendo nulla per impedire il deterioramento dei corpi idrici superficiali. Ci sono progetti previsti, o in corso, di nuovi ponti sul Po o sull’Oglio, di interventi devastanti sul Maira o il Sesia in Piemonte, sul torrente Pontebbana in Friuli, su Seveso e Lambro in Lombardia, e di nuove captazioni sulle aree sorgentizie dei fiumi Sele e Calore Irpino in Campania, solo per citare qualche esempio».

Ecco perché alla vigila del quarto Forum mondiale dell'acqua, in Messico dal 16 al 22 marzo, l’associazione ambientalista sollecita i governi «a una migliore salvaguardia dei fiumi superstiti, incentrata su una gestione a livello di bacino, per rinaturare i corsi d’acqua, anche attraverso la rimozione di opere inutili, vetuste e dannose, soprattutto per garantire una maggiore sicurezza da alluvioni e un uso equo e razionale della risorsa idrica».

  • 10/07/2006 Trent'anni fa la tragedia di Seveso
    Trent'anni fa la tragedia di Seveso. “Trent’anni dopo Seveso abbiamo bisogno di più garanzie per la salute e la sicurezza di lavoratori e...
  • 10/07/2006 Seveso, 30 Anni dopo: la Bhopal Italiana
    Seveso, 30 Anni dopo: la Bhopal Italiana. Un'occasione per ricordare e per chiedere un REACH forte a tutela dell'ambiente e dei cittadini Il 10...
  • 14/03/2006 Fiumi, Onu: «Soffrono in tutto il Mondo»
    A seguito dell’incidente di Seveso che, giova ricordare, non provocò vittime, vi furono trenta aborti giustificati dalla paura di possibili malformazioni...
  • 20/02/2006 Sicurezza del Nucleare
    seguito dell’incidente di Seveso che, giova ricordare, non provocò vittime, vi furono trenta aborti giustificati dalla paura di possibili malformazioni...
  • 14/06/2006 Comitato per la Salvaguardia del Golfo di Trieste
    Ricordiamo che per la legge Seveso 2, alla quale questi impianti sono considerati a rischio di incidenti rilevanti, riportando il concetto di “effetto...
  • 17/12/2006 Retroscena di una Campagna Mediatica - L' Opinione Pubblica non
    A Taranto, ad esempio, sarebbe il decimo impianto ad alto rischio da sottoporre alla direttiva Seveso e la sua esplosione determinerebbe una reazione a...

  • Archivio Seveso disastro
  • Archivio Ambiente
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO