28/10/2005 Torna l'ora solare, Legambiente: "Lampadine accese e bolletta sempre più cara" (NZ, www.help.consumatori.it)

  • Pagina Ambiente
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Energia
  • Pagina Inquinamento
  • Puntuale come ogni anno, nella notte tra domani e domenica 30 ottobre, torna l'ora solare, che ci farà accendere la luce un'ora prima incrementando la richiesta di energia necessaria per produrla. Fin qui niente di nuovo: il "conto energetico" che l'inverno ogni anno presenta a famiglie, aziende e istituzioni è quest'anno ancora più oneroso a causa del caro petrolio. Ma qualcosa si può fare per soddisfare in un modo differente il nostro accresciuto bisogno di luce, con bollette più leggere e una maggiore sostenibilità per l'ambiente. Basta sostituire le tradizionali lampadine ad incandescenza con le "ecolampadine risparmiose", quelle fluorescenti compatte di classe A: fanno la stessa luce, consumano circa 5 volte in meno, con un risparmio in bolletta per i costi dell'illuminazione che arriva fino all'80%, hanno una durata anche 10 volte maggiore che significa un risparmio complessivo di combustibili e di inquinamento atmosferico.

    "Siamo partiti il 16 febbraio in Lombardia, in occasione dell'entrata in vigore del protocollo di Kyoto, e ad oggi la campagna ha venduto oltre 180mila ecolampadine - spiega Andrea Poggio, vicedirettore nazionale Legambiente-, ottenendo un risparmio annuo di circa 6mila tonnellate di anidride carbonica, di quasi 12 milioni di kilowattora e di 2.600 tonnellate di petrolio. E, dulcis in fundo, 2 milioni di euro in meno sulle bollette elettriche ogni anno. Adesso puntiamo al coinvolgimento di tutta Italia, sia con l'aiuto dei produttori e degli esercizi commerciali, sia attraverso le Regioni, che ricordiamo, hanno il dovere costituzionale di concorrere alla politiche energetiche".

    In Lombardia, grazie alla campagna "La luce che non consuma il pianeta", promossa da Legambiente, Lifeventuno e Regione Lombardia con il contributo del Ministero dell'Ambiente, i cittadini possono acquistare le ecolampadine con uno sconto consistente (anche di 3 euro) in oltre 180 punti vendita, tra cui, Ikea, Bennet, Brico Io, IperCoop, Esselunga, Iper, Castorama, Mediaworld. Adesso, forti di questi risultati, molti soggetti hanno scelto infatti di prolungare la promozione sulle ecolampadine, nata con la campagna "La luce che non consuma il pianeta", promossa da Legambiente e Regione Lombardia con il contributo del Ministero dell'Ambiente. Applicando sconti a loro discrezione, alcuni esercizi come Media World, Esselunga e Castorama, hanno scelto di esportare autonomamente, sul territorio nazionale, iniziative promozionali volontarie legate alla vendita di ecolampadine.

    In questo modo si acquisiscono i Titoli di Efficienza Energetica (TEE), emessi dal GME su specifica richiesta dell'Autorità, a valle di un processo di verifica e quantificazione dei risparmi energetici conseguiti attraverso progetti realizzati sui consumatori finali. Ogni titolo certifica il conseguimento di risparmi di energia primaria pari a una tonnellata equivalente di petrolio. La futura vendita dei TEE sul mercato, presumibilmente nel primo semestre del 2006, funzionerà a titolo di rimborso per la scontistica applicata oggi. È il primo passo perché anche altre amministrazioni regionali facciano la loro parte sulla strada dell'efficienza energetica, per raggiungere gli obbiettivi del protocollo di Kyoto


  • Pagina Ambiente
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Energia
  • Pagina Inquinamento