TuttoTrading.it

24/01/2008 Sushi al mercurio (http://www.lanuovaecologia.it)

Ricerca personalizzata

Il tonno dei sushi servito nella Grande mela contiene spesso livelli del metallo pesante superiore ai limiti. Lo scrive il New York Times, che ha fatto analizzare il pesce crudo acquistato nei ristoranti della città/ Vai all'articolo

Il tonno dei sushi servito a New York è pieno di mercurio, spesso con livelli di metallo pesante decisamente superiore ai massimi accettati dall'Environment Protection Agency (Epa), l'equivalente del nostro ministero dell'ambiente. Lo scrive con ampio rilievo il New York Times di ieri, che ha fatto analizzare il pesce crudo acquistato in ristoranti (anche famosi, come uno dei tanti di Robert de Niro) o in supermercati (anche di prodotti biologici) da un laboratorio specializzato, con risultati da incubo in non pochi casi.

La notizia non ha solo rilievo locale visto che dopo Tokyo, New York è senz'altro la capitale mondiale del sushi, i panetti di riso giapponese ricoperti da una fettina di pesce crudo, tonno, salmone o pescespada. L'allarme del New York Times rischia di propagarsi non solo nel resto degli Stati Uniti ma in tutto il mondo con la velocità della luce. Il mercato del pesce è infatti molto globalizzato, in particolare per quanto riguarda il tonno, una delle specie più colpite dall'inquinamento da mercurio, un fenomeno osservato un po' dappertutto.

Michael Gochfeld, uno degli esperti che ha analizzato i sushi newyorchesi spiega al Nyt che "nessuno dovrebbe mangiare tonno con livelli di mercurio analogo a quello trovato nei ristoranti in questione, più di una volta ogni tre settimane". Secondo la sintesi fatta dal quotidiano, nella maggior parte dei 20 ristoranti e supermercati considerati nell'inchiesta "un consumo regolare di sei pezzi a settimana supera i livelli considerati accettabili dall'Epa" e in almeno cinque casi la Food & Drug Administration (Fda) l'agenzia federale sulla sicurezza alimentare, potrebbe addirittura ritirare i prodotti dal mercato.

Chi ha reagito immediatamente è Drew Nieporent, uno dei responsabili del ristorante Nobu Next Door di Tribeca(uno dei ristoranti dell'inchiesta), una versione 'casual' del famoso Nobu di cui è socio anche Robert de Niro. "Sono spaventato da quello che mi sta raccontando - ha detto Nieporent al giornalista del Nyt - toglieremo dal menù qualsiasi prodotto che possa mettere in pericolo i nostri clienti".

L'inchiesta del Times ha trovato concentrazioni inquietanti di mercurio soprattutto nel tonno crudo servito nei ristoranti. Il più pericoloso è e quello di tipo bluefin, cioé il tonno rosso simile a quello che viene pescato in Sicilia. Ma il fenomeno colpisce, anche se in misura minore, anche altri tipi di tonno, oltre al pescespada.

http://www.lanuovaecologia.it.it

  • Archivio Alimentazione
  • Ricerca personalizzata